Putin accusa la Polonia: si erano messi d'accordo con Hitler

Mos

Roma, 24 dic. (askanews) - Il presidente russo Vladimir Putin ha lanciato una guerra di parole contro la Polonia, sostenendo che questa aveva raggiunto una "tregua" con Adolf Hitler in nome dell'antisemitismo prima dello scorppio della seconda guerra mondiale. Lo riferisce l'agenzia di stampa France Presse.

Putin ha affermato di aver preso visione di archivi recuperati in Europa dall'Armata rossa dopo il 1945, i quali parlerebbero di una collusione tra la Polonia e il leader nazista. (Segue)