Putin accusato di tradimento contro la Russia, i deputati chiedono le dimissioni

Putin accusato di tradimento contro la Russia, i deputati chiedono le dimissioni Sputnik/Gavriil Grigorov/Pool via REUTERS ATTENTION EDITORS - THIS IMAGE WAS PROVIDED BY A THIRD PARTY.
Putin accusato di tradimento contro la Russia, i deputati chiedono le dimissioni Sputnik/Gavriil Grigorov/Pool via REUTERS ATTENTION EDITORS - THIS IMAGE WAS PROVIDED BY A THIRD PARTY.

In Russia è in atto una vera e propria bufera che vede protagonista il presidente Vladimir Putin. Dopo gli ultimi risultati negativi in guerra contro l'Ucraina, conflitto arrivato ormai al settimo mese, e le accuse di brogli elettorali alle ultime elezioni, il capo del Cremlino ha le luci dei riflettori puntati su di sé e c'è chi ormai ne ha abbastanza di lui.

Dopo le ultime batoste dell'esercito russo a Kharkiv, infatti, un gruppo di deputati russi ha deciso di avviare una petizione per chiedere alla Duma le dimissioni immediate dello Zar. A firmare il documento, secondo quanto riferito dal Moscow Times, sono stati in 84 che condividono la tesi secondo la quale Putin avrebbe tradito la Russia.

Le azioni del presidente Putin sono dannose per il futuro della Russia e dei suoi cittadini. Chiediamo le dimissioni di Vladimir Putin dalla carica di Presidente della Federazione Russa”, si legge nella petizione condivisa sui social da Ksenia Torstrem, deputata del distretto Semyonovsky di San Pietroburgo.

VIDEO - Putin: Russia pronta ad esportare 50 milioni tonnellate di grano

Il primo ad avanzare la richiesta di dimissioni di Putin era stato Dmitry Palyuga, un deputato del distretto di Smolninskoye di San Pietroburgo che aveva chiesto alla Duma di Stato di processare il presidente con l’accusa di tradimento per l’invasione dell’Ucraina. La mossa, però, potrebbe costare cara ai deputati che ora rischiano. Infatti, secondo le leggi del paese, potrebbero essere convocati dalla polizia e accusati di screditare le forze armate del Paese.

All’inizio di marzo Putin aveva anche firmato una legge che prevede lunghe pene detentive, fino a 15 anni di reclusione, per chi diffonde “informazioni deliberatamente false” sulla guerra in Ucraina. I deputati che si sono esposti firmando la petizione, tra l'altro, rischiano una possibile pena fino a tre anni di reclusione poiché la legge firmata dallo Zar considera illegale “fare appelli contro l’uso delle truppe russe per proteggere gli interessi della Russia” o “screditare tale uso”.

LEGGI ANCHE - Tensione tra Armenia e Azerbaigian: il premier armeno chiede aiuto a Putin