Putin ordina mobilitazione e mette in guardia contro ricatto nucleare Occidente

Il presidente russo Vladimir Putin pronuncia un discorso a Mosca, dedicato al conflitto militare con l'Ucraina

LONDRA (Reuters) - Il presidente Vladimir Putin ha decretato la prima mobilitazione della Russia dalla Seconda guerra mondiale e ha avvertito che Mosca si difenderà con tutta la forza del suo vasto arsenale nel caso in cui si dovesse trovare di fronte a una minaccia nucleare da parte dell'Occidente.

L'avvertimento senza mezzi termini del leader russo, il cui Paese detiene più testate nucleari persino degli Stati Uniti, segna la più grande escalation della guerra dall'invasione dell'Ucraina da parte di Mosca il 24 febbraio ed è stato accompagnato dalla decisione di richiamare 300.000 ulteriori riservisti.

"Se l'integrità territoriale del nostro Paese è minacciata, useremo senza alcun dubbio tutti i mezzi disponibili per proteggere la Russia e il nostro popolo - questo non è un bluff", ha detto Putin in un discorso televisivo alla nazione.

Putin ha formulato questi commenti dopo aver accusato l'Occidente di "ricatto nucleare", affermando che alcuni alti funzionari governativi di Paesi "leader" della Nato, il cui nome non è stato citato, hanno parlato di un potenziale uso di armi nucleari contro la Russia.

Ha inoltre accusato l'Occidente di causare il rischio di "catastrofe nucleare", permettendo all'Ucraina di bombardare la centrale nucleare di Zaporizhzhia, controllata dalla Russia. Attacchi che Kiev ha negato.

Dando il suo esplicito sostegno ai referendum che si terranno nei prossimi giorni in territori ucraini controllati dalle forze russe - il primo passo verso l'annessione formale di una porzione dell'Ucraina grande quanto l'Ungheria - Putin ha affermato che l'Occidente sta tramando per distruggere la Russia.

"Nella sua aggressiva politica anti-russa, l'Occidente ha superato ogni limite", ha detto Putin. "Coloro che cercano di ricattarci con armi nucleari dovrebbero sapere che il vento può cambiare nella loro direzione", ha aggiunto.

La guerra, che ha dato il via al peggior confronto con l'Occidente dalla crisi dei missili di Cuba del 1962, ha causato decine di migliaia di morti e l'abbattersi di un'ondata inflazionistica sull'economia globale.

La dottrina nucleare russa consente l'uso di armi nucleari nel caso in cui armi di distruzione di massa vengano utilizzate contro il Paese o anche nel caso in cui lo Stato russo si trovi ad affrontare una minaccia esistenziale causata da armi convenzionali.

Putin ha detto di aver firmato anche un decreto sulla mobilitazione parziale.

La mobilitazione, che riguarda chiunque abbia prestato servizio come soldato professionista in Russia piuttosto che come soldato di leva, ha inizio immediatamente.

Sergei Shoigu, ministro della Difesa russo, ha detto di aspettarsi che 300.000 persone saranno richiamate dalle vaste riserve del Paese, che contano circa 25 milioni di persone.

Dopo che ieri i funzionari filorussi di quattro aree dell'Ucraina controllate dalle truppe di Mosca avevano chiesto un referendum per l'adesione alla Russia, Putin ha detto che Mosca non ha il diritto morale di consegnarli ai "carnefici".

La Russia, ha detto Putin, sosterrà le decisioni della popolazione del Donbass e delle province ucraine di Kherson e Zaporizhzhia. Questo apre la strada all'annessione formale di circa il 15% del territorio ucraino.

Putin ha detto che il suo obiettivo è quello di "liberare" la regione del Donbass nell'Ucraina orientale e che la maggior parte degli abitanti delle regioni sotto il controllo russo non vuole più essere governata da Kiev.

L'Ucraina e l'Occidente hanno affermato che i referendum sarebbero illegali e che si tratterebbe di votazioni fittizie.

(Tradotto da Luca Fratangelo, Chiara Bontacchio, editing Stefano Bernabei)