Putin esulta: perché il missile ipersonico Tsirkon deve farci tremare

Putin esulta: perché il missile ipersonico Tsirkon deve farci tremare. REUTERS/Maxim Shemetov
Putin esulta: perché il missile ipersonico Tsirkon deve farci tremare. REUTERS/Maxim Shemetov

Una nuova minaccia in piena regola. All'Ucraina, innanzitutto, ma a seguire alla Nato e all'intero Occidente. È quella che Vladimir Putin ha lanciato da San Pietroburgo in occasione della parata nella Giornata della Marina. "La fregata Ammiraglio Gorshkov sarà il primo vettore di missili ipersonici Tsirkon", ha infatti affermato il presidente della Russia. E questo annuncio ha creato innegabili (e giustificate) apprensioni tra gli Stati dell'Alleanza atlantica.

GUARDA ANCHE: Putin: "In Ucraina non abbiamo ancora cominciato a fare sul serio"

Il motivo sta nelle diverse caratteristiche dell'arma in questione, sia dal punto di vista della sua potenza che da quello strategico. Il 3M-22 Zircon (più conosciuto a livello internazionale come 3M-22 Tsirkon) è infatti un missile cruise ipersonico in grado di colpire a una distanza non inferiore a 1.000 km. Anche l'occasione stessa in cui Putin ne ha parlato chiarisce che sia un'arma in dotazione alla Marina: può infatti neutralizzare unità navali maggiori, tra cui portaerei, incrociatori e cacciatorpediniere. Ma non è tutto qui.

LEGGI ANCHE: Russia testa missile ipersonico, cos'è e cosa è in grado di fare

La Russia sta infatti lavorando sul missile ipersonico Tsirkon ormai da decenni, per metterne a punto le caratteristiche nel miglior modo possibile. Un processo iniziato nel lontano 1995, e che ha visto iniziare i test veri e propri nel 2015 (a terra) e nel 2017 (in mare). A fine maggio 2022 ebbe quindi luogo un "lancio di prova" da una nave nel mare di Barents. "È un grande evento per la storia del Paese", esultò Putin.

Putin esulta: perché il missile ipersonico Tsirkon deve farci tremare. Sputnik/Mikhail Klimentyev/Kremlin via REUTERS
Putin esulta: perché il missile ipersonico Tsirkon deve farci tremare. Sputnik/Mikhail Klimentyev/Kremlin via REUTERS

Il motivo per cui la Russia e Putin credono così profondamente in questa soluzione bellica è che il missile ipersonico Tsirkon non risulta essere vulnerabile ai sistemi anti-aerei in uso sulle unità navali delle forze armate occidentali. Non soltanto, infatti, può colpire obiettivi militari (e non) a oltre 1.000 km di distanza. Ma viaggia anche a velocità vicine agli 11 mila km all'ora. Troppi, per permettere agli eserciti occidentali per mettere a punto un qualsiasi strumento di difesa in tempi utili per contrastare un eventuale lancio. I tempi di rilevamento, ingaggio e reazione, infatti, non sarebbero sufficienti.

VIDEO: Chi è Vladimir Putin

La festa della Marina russa è stata quindi l'occasione più adatta per tornare a mostrare i muscoli e spaventare i Paesi della Nato. Con mere minacce, per ora, ma tremendamente reali. Putin ha infatti parlato di confini marittimi della Russia da proteggere "con ogni mezzo", e tramite un nuovo regolamento ha anche ridelineato "i confini e le aree degli interessi nazionali". "La nostra Marina può contrastare rapidamente tutti coloro che si azzardano a invadere la nostra sovranità e la nostra libertà", ha quindi aggiunto. E una delle chiavi di questa sicurezza è proprio il missile ipersonico Tsirkon.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli