Putin: natalità di nuovo in calo, in gioco il destino della Russia

Orm

Roma, 15 gen. (askanews) - Il presidente russo Vladimir Putin ha avviato il suo discorso annuale all'Assemblea Federale (le camere del parlamento riunite) lanciando un rinnovato allarme per "la natalità di nuovo in calo in Russia". Il Paese, ha sottolineato il capo del Cremlino, "è entrato in un periodo difficile dal punto di vista demografico" e "dalla demografia dipendono il destino della Russia, le sue prospettive storiche".

Per questo, ha detto Putin, è necessario "fare in modo che i tassi di natalità siano in crescita a metà del decennio" appena iniziato. Come esempio concreto, il presidente ha portato la situazione degli asili nelle regioni, lanciando una dura critica nei confronti dei governatori: "Non si può lavorare così", ha detto. Il capo dello Stato ha proposto una serie di misure che il governo può introdurre per arginare l'emergenza, a cominciare dai sussidi alle famiglie per i figli, da innalzare, e dall'introduzione immediata di assegni mensili per ogni bambino da tre ai sette anni.