Putin: "Noi come Pietro il Grande, ora tocca a noi riconquistare"

Continua la resistenza al fronte ucraino, secondo il presidente Zelensky, ma mano a mano che gli scontri si fanno piu vicini a Lysychansk, non lontana da Sevierodonetsk, sempre piu persone decidono di abbandonare la città.

L'attenzione del governo ucraino rimane principalmente puntata sul Donbas, ma la Russia potrebbe riaprire dei fronti momentaneamente chiusi da un momento all'altro per distrarre le forze ucraine dal fronte orientale

"Le sirene degli attacchi aerei si sentono anche adesso, durante quest'intervista. Questo sta a significare che la guerra non è assolutamente finita, dichiara il Ministro degli affari interni ucraino, Denys Monastyrsky.

"Siamo consapevoli del fatto che qualunque posto in ucraina puo diventare bersaglio dei razzi russi, e kiev non fa eccezione", ha aggiunto.

In occasione dei festeggiamenti per il 350° anniversario di "Pietro il Grande", Putin ha paragonato la guerra in Ucraina con le conquiste dallo zar nel XVIII secolo.

"Pietro il Grande ha portato avanti una guerra per 21 anni- si potrebbe dire che stesse lottando con la Svezia per strappargli dei territori. Ma in realtà non è stato affatto cosi. Lui si stava solo riappropriando di terre che spettavano gia alla Russia", ha dichiarato Putin.

"Ha semplicemente riconquistato e consolidato i territori russi. Ora, tocca a noi. Spetta a noi riconquistare e consolidare territori", ha aggiunto il presidente.

Putin vuole essere visto da tutti come una sorta di "Pietro il Grande", il modernista- ma in realtà è probabile che verrà ricordato come un leader, crudele, sanguinario e imprevedibile.

Mentre l'invasione russa dell'Ucraina entra nel suo quarto mese, i funzionari di Kiev hanno espresso il timore che lo spettro della "stanchezza da guerra" possa erodere la determinazione dell'Occidente ad aiutare il Paese a respingere l'aggressione di Mosca.

Gli Stati Uniti e i loro alleati hanno fornito miliardi di dollari in armi all'Ucraina. L'Europa ha accolto milioni di sfollati a causa della guerra e c'è stata un'unità senza precedenti in Europa nell'imposizione di sanzioni al presidente Vladimir Putin e al suo Paese.

Gli analisti temono che il Cremlino possa approfittare di un conflitto prolungato e del conseguente calo di interesse da parte delle potenze occidentali. Quest'ultimo potrebbe portare a fare pressione sull'Ucraina per ottenere un accordo.

Il Presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy si è già irritato di fronte ai suggerimenti occidentali di accettare una sorta di compromesso. L'Ucraina, ha detto, deciderà da sola i termini della pace.

Ogni mese di guerra costa all'Ucraina 5 miliardi di dollari, ha dichiarato Volodymyr Fesenko, analista politico del think tank Penta Center, e questo "rende Kyiv dipendente dalla posizione consolidata dei Paesi occidentali".

L'Ucraina avrà bisogno di armamenti sempre più avanzati per assicurarsi la vittoria e della determinazione dell'Occidente a mantenere la pressione economica sulla Russia per indebolire Mosca.

"È ovvio che la Russia è determinata a logorare l'Occidente e sta costruendo la sua strategia partendo dal presupposto che i Paesi occidentali si stancheranno e inizieranno gradualmente a cambiare la loro retorica militante con una più accomodante", ha detto Fesenko in un'intervista all'Associated Press.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli