Pyongyang testa dei missili, prima sfida nordcoreana a Biden

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 23 mar. (askanews) - Domenica 21 marzo 2021, la Corea del Nord ha lanciato due missili, poco dopo la visita a Seoul, in Corea del Sud, dei segretari Usa di Stato e Difesa, Tony Blinken e Lloyd Austin; si tratta dei primi test di questo tipo da quando Joe Biden è arrivato alla Casa Bianca. Ne dà notizia l'agenzia Afp.

"Siamo a conoscenza di almeno due missili - ha detto un funzionario che ha preferito restare anonimo - i media americani hanno riferito che erano missili a corto raggio. Gli osservatori si aspettavano un atto di sfida nordcoreano dall'arrivo del nuovo presidente degli Stati Uniti a gennaio.

Diversi esperti hanno ipotizzato che si è trattato di una una risposta alle manovre militari congiunte che Washington e Seoul hanno compiuto di recente e sopratutto alla visita in Corea del Sud di Blinken e Austin. L'amministrazione Biden sta sviluppando la sua strategia nei confronti della Corea del Nord, dopo il tentativo del suo predecessore Donald Trump di dar vita a una relazione diplomatica con il leader nordcoreano Kim Jong Un che, tuttavia, non ha portato a grandi progressi sulla questione della denuclearizzazione del Paese. Da febbraio 2021, la Casa Bianca ha tentato senza successo di stabilire un contatto con la leadership nordcoreana.

La scorsa settimana, la Corea del Nord ha avvertito che non cambierà la sua posizione nei confronti degli Stati Uniti fino a quando gli Usa non rinunceranno alla loro "politica ostile" nei confronti di Pyongyang.