Qantas ritira 3 aerei Boeing: avevano crepe strutturali sulla forcella

aerei boeing qantas

La compagnia aerea australiana Qantas ha ritirato tre aerei Boeing 737 dopo aver rilevato la presenza di crepe strutturali sulla forcella. Questo particolare elemento del mezzo collega le ali alla fusoliera. Dopo una conferenza tenuta venerdì scorso, la compagnia aveva assicurato la sicurezza dei passeggeri spiegando che il ritiro riguardava soltanto tre mezzi. Dopo aver effettuato opportuni controlli sui suddetti Boeing 737 sono state rilevate problematiche che ne hanno compromesso le funzioni. La cause di questi ultimi, da quanto descritto dalla compagnia, è da ricercare nel malfunzionamento del MCAS.

Qantas rileva crepe su Boeing 737

Debble Slade, la responsabile della sicurezza della compagnia aerea Qantas ha spiegato che il ritiro dei tre aerei Boeing 737 è stata necessaria. “È una parola piuttosto spaventosa, crack! Ma, del resto, ha fatto crack un componente, un componente strutturale”. Le crepe rilevate sulla forcella si trovano su “una parte molto piccola di quel componente” che però potrebbe compromettere “l’integrità strutturale di un aereo”. “La direttiva di Boeing – ha proseguito Slade – è che l’aereo non ha bisogno di essere ispezionato e hanno assicurato a Qantas che anche se c’è una crepa in uno di questi componenti, sono sicuri di potere volare”.

Da quanto si apprende, inoltre, il modello 737 MAX è stato bloccato da diverse compagnie a seguito di due tragici incidenti avvenuti in Indonesia (il 29 ottobre 2018) e in Etiopia (il 10 marzo 2019). Il presidente di Boeing, Dennis Muilenburg, lo scorso martedì ha preso parte all’udienza del Congresso. Al termine della riunione, infine, ha ammesso le sue colpe riguardo gli incidenti del modello 737 MAX della Lion Air e dell’Ethiopian Airlines.