Quadrante: la Russia è vicina al "successo tattico in Donbass"

ANATOLII STEPANOV / AFP

AGI - Mentre la guerra in Ucraina entra nel suo centesimo giorno, la Russia è vicina a un "successo tattico in Donbass". Secondo l'ultimo bollettino dell'intelligence militare britannica, le forze del Cremlino "hanno avuto uno slancio, che hanno mantenuto, e attualmente sembrano conservare l'iniziativa sull'opposizione ucraina".

Mosca, osservano gli 007 di Londra, "in seguito al fallimento del progetto iniziale, ha modificato la sua linea operativa concentrandosi sul Donbass", con l'obiettivo di impadronirsi delle intere regioni di Lugansk e Donetsk, che nel 2014 caddero parzialmente in mano ai separatisti filorussi. Ormai, prosegue il bollettino, "la Russia controlla oltre il 90% dell'Oblast di Lugansk ed è probabile che ne completi il controllo nelle prossime due settimane".

Nondimeno, sottolinea l'intelligence militare britannica, la Russia ha ottenuto "questi recenti successi tattici pagando un prezzo significativo in termini di risorse" e "dovrà continuare a investire massicciamente nelle risorse umane e materiali e ciò richiederà probabilmente altro tempo".

Nelle ultime 24 ore, i russi hanno continuato ad avanzare a Severodonetsk e proseguito le operazioni per porre le basi dell'attacco a Lysychansk, l'altra roccaforte residua di Kiev nell'Oblast, sull'altro lato del fiume Seversky Donets.

L'incognita è proprio il dispendio di uomini e mezzi che richiederà l'occupazione totale del Lugansk: più elevato sarà, più tempo richiederà la conquista del Donetsk, l'altra regione del Donbass nel mirino di Putin. Su questo fronte, conquistata Lyman, le truppe russe si stanno muovendo a Ovest, attraverso Raihorodok, puntando su Slovyansk, il principale bastione ucraino superstite nella regione insieme a Kramatorsk.

L'altro asse di avanzamento diretto verso Slovyansk, dal Sud Est di Izyum, continua invece a registrare pochi progressi, secondo quanto ossercato dall'Institute for the Study of War (Isw). Altri contingenti che saranno impegnati nell'assalto a Slovyansk e Kramatorsk, aggiunge il think tank americano, sono invece in movimento nei dintorni di Avdiivka, a Sud, dove stanno operando "crescenti avanzamenti".

Prosegue infine la controffensiva ucraina nel Nord Ovest della regione di Kherson, conquistata dai russi nelle prime fasi del conflitto. Secondo l'Isv, il contrattacco ha spinto gli invasori sulla sponda orientale del fiume Inhulet e sta intralciando le linee di comunicazioni terrestri russe lungo l'autostrada T2207.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli