Qual è il posto più pericoloso in aereo?

Viaggiare in aereo è sicuro, le possibilità di morire in un incidente aereo sono una su un milione. Eppure per tantissime persone salire su un aeroplano è qualcosa di spaventoso. Volare a diecimila metri d’altezza spaventa, anche quando si è consci che è una paura irrazionale, visto che è molto più pericoloso andare in auto, in treno, ma anche in bicicletta o a piedi.

All’interno di un aereo (Getty)

Per chi, dunque, ha il terrore di salire in aereo il consiglio migliore è quello di rilassarsi un po’ scegliendo i posti più sicuri. Non i più sicuri in assoluto, perché gli esperti ricordano che ogni incidente è diverso, ogni possibile atterraggio d’emergenza unico e, dunque, non c’è un posto rigorosamente sicuro. Esistono, però, le statistiche che mostrano quali posti sono stati occupati maggiormente da chi è morto in un incidente aereo.

Nel 2007 la rivista Popular Mechanics ha analizzato i dati riferiti agli incidenti aerei negli States dal 1971. Secondo i dati, I sedili nella coda dell’aereo, dietro l’ala hanno il 69 percento di possibilità di salvarsi, mentre quelli che si trovano davanti, proprio sulle ali o quasi, hanno solo il 56% di possibiltà. Peggio ancora per chi siede nelle prime file, dove le speranze calano al 49 per cento. Ironia della sorte, i posti più pericolosi appaiono essere quelli che – di norma – vengono riservati alla classe business o prima classe, con quelli più sicuri che sono, invece, in economy.

La mortalità nei posti posteriori va dal 28 al 32%, mentre sulle ali o davanti c’è una mortalità del 38/39%. (Credits – AP)

Dati confermati anche da una ricerca di due anni fa, 2015, del Time che ha analizzato 17 incidenti aerei accaduti dal 1985 in poi e i relativi dati sui posti a sedere di morti e sopravvissuti. Ebbene, anche in questo caso la mortalità nei posti posteriori andava dal 28 al 32%, mentre chi era sulle ali o davanti aveva avuto una mortalità del 38/39%.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità