Coronavirus a Roma, il direttore dell’hotel di via Cavour: “Nessun pericolo”

coronavirus-hotel-roma

I primi due casi accertati di coronavirus in Italia sono due turisti cinesi che alloggiavano in un hotel di Roma, più precisamente in una struttura di via Cavour, nel centro della Capitale. La coppia ha iniziato a sentirsi male nella giornata di mercoledì 29 gennaio, venendo immediatamente trasportata presso l’ospedale Spallanzani da due operatori sanitari muniti di tute bianche e mascherine. La conferma che si tratti proprio di coronavirus è arrivata nella serata del 30 gennaio in una conferenza stampa indetta dal Premier Giuseppe Conte. A rassicurare sulla situazione all’interno della struttura alberghiera della capitale è stato lo stesso direttore: “La situazione è assolutamente tranquilla, nessun pericolo di contagio“.

Le parole del direttore dell’hotel

Tutto il personale è andato a lavorare regolarmente, continua il direttore dell’hotel di via Cavour: “La stanza è stata sigillata in via precauzionale, già il giorno stesso in cui abbiamo chiamato l’ambulanza e nessun dipendente è entrato in contatto stretto con la coppia. Ho parlato con l’Asl e la polizia che ci hanno detto che non c’è nessun pericolo, perché non c’è stato nessun contatto diretto con i clienti”.

Il direttore ha sottolineato che misure precauzionali sono già state prese e che “abbiamo avuto qualche disdetta, è vero, ma è stato creato del terrorismo. Ci vuole aiuto a parte di tutti. Non saremmo qua ora se ci fosse qualche problema, non sono così pazzi i nostri datori di lavoro”.

Coronavirus: casi in hotel a Roma

Contestualmente all’accertamento dei due casi di coronavirus la stanza d’albergo dove risiedevano i turisti è stata chiusa e sigillata dalle autorità sanitarie, mentre tutte le persone entrate in contatto con i pazienti sono state trasportate anch’esse allo Spallanzani per accertare che non siano state contagiate. I due turisti, originari di una zona nei pressi della città di Wuhan, alloggiavano al Grand Hotel Palatino.

Sul caso è intervenuto è intervenuto anche Giuseppe Ippolito, direttore scientifico dello Spallanzani di Roma, che ai microfoni dei giornalisti ha dichiarato: “I due pazienti sono in isolamento, in buone condizioni. La tempestività dell’intervento ci fa pensare che non ci sono state persone esposte. Questo ci fa essere abbastanza tranquilli”.

Nel frattempo in serata un autobus di turisti cinesi è stato scortato fino allo stesso ospedale, nel timore che anch’essi possano essere stati contagiati dal coronavirus. La comitiva si trovava a Roma infatti con un viaggio organizzato dallo stesso tour operator della coppia colpita dal virus.