Quali regioni avrebbero i numeri per entrare in zona gialla o bianca

·1 minuto per la lettura
Regioni con numeri da zona gialla
Regioni con numeri da zona gialla

Molte regioni italiane che si trovano in zona arancione avrebbero i numeri per entrare in zona gialla. Un territorio, l’Umbria, andrebbe poi verso i parametri della zona bianca: l’incidenza settimanale si avvicina a quota 50 e l’indice di contagio è di gran lunga sotto l’1.

Regioni con numeri da zona gialla

Il decreto attualmente in vigore ha stabilito l’esistenza di sole zone arancioni o rosse indipendentemente dall’abbassamento dei dati ma dispone una deroga per le regioni più virtuose. Ciò vuol dire che il passaggio in zona gialla, attualmente possibile grazie ai parametri in Abruzzo, Basilicata, Lazio, Marche, Molise e le provincie di Trento e Bolzano, potrebbe avvenire a determinate condizioni: l’avere una buona situazione epidemiologica e l’essere avanti con la campagna vaccinale e la messa in sicurezza dei cittadini più fragili.

I governatori e le associazioni di categoria stanno facendo pressing per riaprire prima della fine di aprile nei territori in cui i numeri lo consentano. La data di cui si sta parlando è quella del 20 aprile, anche se si dovrà comunque dimostrare di essere in regola con le somministrazioni dei vaccini.

Per quanto riguarda l’Umbria, attualmente unica regione italiana che sta andando verso parametri da zona bianca, a spiegare la situazione epidemiologica è stato Marco Cristofori del Nucleo epidemiologico regionale. “Dal punto di vista di un modello predittivo a 15 giorni si prevede la discesa dell’incidenza intorno ai 50 casi per 100 mila abitanti, che sarebbe il limite del governo per le zone bianche. L’indice Rt è nettamente sotto l’1 e si attesta a 0,71“.