Quali sono le regioni che passano in zona bianca da lunedì 7 giugno

·1 minuto per la lettura
Regioni zona bianca 7 giugno
Regioni zona bianca 7 giugno

Dopo Sardegna, Friuli Venezia Giulia e Molise, da lunedì 7 giugno altre quattro Regioni si preparano ad entrare in zona bianca grazie ad una diminuzione dei contagi e dei ricoveri: si attende il monitoraggio dell’ISS di venerdì 4 giugno per la conferma.

Regioni in zona bianca dal 7 giugno

Si tratta di Abruzzo, Liguria, Umbria e Veneto dove dovrebbe essere confermata l’incidenza sotto i 50 casi ogni 100 mila abitanti per la terza settimana consecutiva, condizione necessaria per il passaggio nella fascia meno restrittiva. Nelle ultime due settimane l’Abruzzo ha registrato 42 e 35 casi ogni 100mila abitanti, la Liguria 43 e 28, l’Umbria 42 e 28 e il Veneto 45 e 30.

Confermata inoltre la zona bianca per le tre regioni che hanno già sperimentato un ritorno alla normalità durante questa settimana, che dovrebbero continuare ad avere i parametri che consentiono il minimo delle limitazioni. Negli scorsi monitoraggi il Friuli-Venezia Giulia ha infatti fatto registrare un’incidenza di 44, 24 e poi 17 casi ogni 100mila abitanti, il Molise 41, 20 e 12, la Sardegna 41, 25 e 13.

Dal 14 giugno potrebbero esserci altre sei regioni a passare in zona bianca, vale a dire Emilia-Romagna, Lazio, Lombardia, Piemonte, Puglia e Provincia Autonoma di Trento. Salvo sorprese anche questa settimana l’incidenza dei casi in questi territori dovrebbe essere al di sotto della soglia dei 50. Dal 21 giugno è infine attesa la fascia bianca per Basilicata, Calabria, Campania, Marche, Toscana, Sicilia e Provincia Autonoma di Bolzano. Resterebbe fuori soltanto la Valle d’Aosta, ultima Regione a uscire dalla zona rossa e, quasi certamente, ultima a entrare in zona bianca obabilmente dal 28 giugno.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli