"Quando il mondo è sgomento, l'unica cosa da fare è andare al cinema”

Filippo Brunamonti

New York - “Quando nel ’99 ho letto il libro di Jonathan Lethem, Brooklyn senza madre, sono rimasto folgorato dal protagonista, Lionel Essrog, per tutti Testadipazzo, un detective con la sindrome di Tourette che lo rende un ribelle. Mi affascinavano i suoi tic nervosi, le frasi sconnesse e oscene. L’impulsività. Mi sembrava di guardarmi allo specchio”. Poco prima che partano i titoli di coda in Motherless Brooklyn (in Italia il romanzo Brooklyn senza madre è edito da Bompiani) una gentildonna porge lo sguardo sul suo improbabile protettore, e sospira: “Divertente vedere come siano andate le cose”. Le cose, ovviamente, sono andate male. Non è la New York azzurro elettrico di Lethem (la città dei baveri degli impermeabili alzati per proteggere “le facce non rasate e il ghigno alla Robert-Ryan-nel-Branco-selvaggio”) ma quella noir, offbeat, scassata di Edward Norton che qui scrive, riadatta (siamo negli anni Cinquanta), dirige, produce e interpreta un crime-drama su un detective e sulla morte del mentore e miglior amico. Un mistero che lo trascina dai jazz clubs di Harlem ai bassifondi di Brooklyn fino alle torri d’avorio di New York con sotto i broker di Wall Street. Nel cast, Bruce Willis, Alec Baldwin, Gugu Mbatha-Raw e Willem Dafoe. Il film di Norton ha appena chiuso il New York Film Festival - dove HuffPost ha incontrato l’attore-regista, 50 anni, tre nomination all’Oscar - ed apre la Festa del Cinema di Roma. 

“Il mio legame con New York è più antico di qualunque altra città. È un rapporto che ha trovato il suo primo, grande cuore pulsante al cinema, quando girai La 25ma ora di Spike Lee, due anni dopo gli attentati al World Trade Center. Lo skyline era stato da poco ridisegnato e i due fascioni di luce blu penetravano il cielo dal ventre del cratere, Ground Zero” ci racconta. “Siamo state, penso, una delle prime troupe a girare un film dove una volta sorgevano le Torri Gemelle. Il festival di New York è la mia casa da...

Continua a leggere su HuffPost