Quando potrà vaccinarsi chi non rientra nelle categorie che hanno diritto alla somministrazione del vaccino nella prima fase?

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
(Photo by Ben Hasty/MediaNews Group/Reading Eagle via Getty Images)
(Photo by Ben Hasty/MediaNews Group/Reading Eagle via Getty Images)

La campagna di vaccinazione proseguirà a fasi che dipenderanno dalla quantità di vaccini disponibili, dalle indicazioni delle autorizzazioni EMA (European Medicines Agency) per ogni nuovo vaccino e, in ogni caso, riguarderanno nell'ordine le classi di popolazione indicate nel “Piano Strategico di Vaccinazione anti-SARS-CoV-2/COVID-19” elaborato dal Ministero della Salute.

Data priorità, nell'ordine, a:

personale sanitario e sociosanitario;

ospiti e personale dei presidi residenziali per anziani;

persone che hanno dagli 80 anni in su;

persone che hanno dai 60 ai 79 anni;

persone di ogni età che soffrono di più di una patologia cronica pregressa, immunodeficienze e/o disabilità.

...con l'aumento delle dosi di vaccino si inizierà a sottoporre a vaccinazione le altre categorie di popolazione, tra le quali quelle appartenenti ai servizi essenziali, quali anzitutto gli insegnanti e il personale scolastico, le forze dell'ordine, il personale delle carceri e dei luoghi di comunità.

“Nel corso dell'epidemia - si evidenzia nel Piano Strategico di Vaccinazione anti-SARS-CoV-2/COVID-19 - si potrà inoltre attuare una strategia di tipo adattativo, qualora venissero identificate particolari categorie a rischio o gruppi di popolazione in grado di sostenere la trasmissione dell'infezione nella comunità, o nel caso in cui si sviluppassero focolai epidemici rilevanti in specifiche aree del Paese, destinando eventuali scorte di vaccino a strategie vaccinali di tipo ‘reattivo’”.

CLICCA SULLA DOMANDA E TROVA LA RISPOSTA