Quante e quali armi Kiev ha ricevuto dai Paesi Ue e dagli Stati Uniti

·5 minuto per la lettura
BAYKAR / HANDOUT / ANADOLU AGENCY / ANADOLU AGENCY VIA AFP

AGI - Diversi paesi occidentali hanno fornito all'Ucraina aiuti militari e armi dall'invasione della Russia il 24 febbraio. Le consegne hanno riguardato principalmente armi difensive, ma la situazione si sta evolvendo rapidamente. Tra le armi offensive che giocano un ruolo importante ci sono i lanciamissili Javelin di fabbricazione statunitense in grado di perforare le armature più sofisticate, come i carri armati russi T-90, e i droni turchi. Spesso gli aiuti includono dispositivi di protezione come elmetti e giubbotti antiproiettile e razioni di cibo. Ecco un panorama degli aiuti militari annunciati:

STATI UNITI: Joe Biden ha annunciato un nuovo pacchetto di aiuti militari per l'Ucraina da 800 milioni di dollari. Il Pentagono ha affermato che l'ultimo round di supporto degli Stati Uniti includerà 72 obici da 155 mm, 72 veicoli corazzati per trainarli, 144.000 colpi di munizioni e più di 120 droni tattici "Phoenix Ghost" recentemente sviluppati dall'aeronautica americana specificamente per soddisfare le esigenze dell'Ucraina.

Il nuovo pacchetto segue altri 800 milioni di dollari di assistenza militare annunciati dalla Casa Bianca il 13 aprile, inclusi elicotteri, obici e mezzi corazzati per il trasporto di personale. In precedenza gli Stati Uniti avevano fornito o promesso all'Ucraina 1.400 sistemi antiaerei Stinger, 5.000 missili anticarro Javelin, diverse migliaia di fucili con munizioni e una serie di altre attrezzature.

TURCHIA: Kiev aveva prima dell'invasione russa circa 20 droni Bayraktar TB2, costruiti dall'esercito turco. Il ministro della Difesa ucraino Oleksii Reznikov ha dichiarato che all'inizio di marzo Kiev ha ricevuto nuovi droni, che secondo alcuni esperti sono 16. (

REGNO UNITO: afferma di aver distribuito finora più di 200.000 pezzi, inclusi 4.800 missili anticarro NLAW e un piccolo numero di missili Javelin. Ha anche annunciato l'invio di altri 6.000 missili, costituiti da armi anticarro e ad alto potenziale esplosivo. Ha anche inviato missili antiaerei ad alta velocità Starstreak e, secondo i rapporti, ha in programma di inviare lanciamissili corazzati Stormer, su cui può essere montato Starstreak. Ha anche promesso di inviare 120 veicoli corazzati Mastiff, Wolfhound e Husky e un nuovo sistema missilistico antinave. Londra ha anche inviato alla Polonia un sistema missilistico antiaereo Sky Sabre a medio raggio e sta valutando l'invio di carri armati in Polonia in modo che Varsavia possa inviare i propri alle forze ucraine che combattono contro la Russia.

CANADA: Dal 2015 il Canada ha impegnato oltre 141 milioni di dollari canadesi (112,6 milioni di dollari) per l'equipaggiamento militare difensivo per l'Ucraina. Da febbraio 2022 sono arrivati circa 118 milioni di dollari. Da febbraio Ottawa ha annunciato l'invio di aiuti militari difensivi, armi e munizioni, bombe a mano, lanciarazzi, apparecchiature di sorveglianza e rilevamento. Questa settimana ha inviato per la prima volta in Ucraina artiglieria pesante - obici M777 - e munizioni.

GERMANIA: All'inizio del conflitto ha annunciato che avrebbe inviato 1.000 armi anticarro, 500 missili terra-aria Stinger, circa 2.700 missili antiaerei Strela e munizioni in Ucraina. Secondo i media, la Germania ha anche inviato circa 100 mitragliatrici, 100.000 granate, 2.000 mine, 15 bombe demolitrici, detonatori e cariche esplosive.

ITALIA: Come noto, mantiene le sue consegne di armi all'Ucraina sotto un velo di segretezza. Quante e quali armi sono state fatte pervenire a Kiev è una informazione che il governo italiano ha preferito non rivelare per motivi di sicurezza, ovvero per non dare a Mosca una informazione sensibile.

SPAGNA: ha spedito in Ucraina 200 tonnellate di equipaggiamento militare, inclusi 30 camion, diversi veicoli speciali per il trasporto pesante e 10 piccoli veicoli carichi di materiale militare.

FRANCIA: Secondo il ministro della Difesa Florence Parly, la Francia ha consegnato all'Ucraina oltre 100 milioni di euro di equipaggiamento militare. La Francia sta inviando diversi pezzi di artiglieria pesante.

NORVEGIA: ha inviato in Ucraina 100 missili antiaerei Mistral di fabbricazione francese e 4.000 armi anticarro M72.

SVEZIA: ha annunciato alla fine di febbraio che avrebbe inviato 5.000 lanciatori anticarro monouso (conosciuti a livello internazionale come AT-4), quindi altri 5.000 lanciatori anticarro a marzo, insieme ad attrezzature per lo sminamento.

FINLANDIA: ha annunciato a febbraio che avrebbe inviato 2.500 fucili d'assalto, 150.000 proiettili e 1.500 lanciatori anticarro monouso. Dalla sarebbero arrivati 2.700 lanciatori anticarro oltre a 600 milioni di corone danesi (88 milioni di dollari) per le armi.

POLONIA: Varsavia ha inviato droni missili anticarro Javelin, fucili d'assalto Grot, mortai da 60 mm e missili terra-aria a corto raggio MANPAD. Ci sono anche rapporti non confermati sull'invio di 40 carri armati T-72 e 60 veicoli corazzati BMP-1.

SLOVACCHIA: ha finora fornito materiale militare per un valore di circa 62,5 milioni di euro e ha fornito anche un sistema di difesa aerea S-300.

ROMANIA: Bucarest ha dichiarato a fine febbraio che avrebbe inviato carburante, munizioni e altro equipaggiamento militare per un totale di tre milioni di euro.

LETTONIA: ha contribuito con materiale militare per un valore di oltre 200 milioni di euro, tra cui munizioni, missili antiaerei Stinger e relative piattaforme di lancio, velivoli senza pilota e droni.

LITUANIA: ha dichiarato di aver inviato aiuti militari all'Ucraina per un valore di "decine di milioni" di euro. Ciò include missili antiaerei Stinger, mortai, fucili, munizioni e altre attrezzature militari.

ESTONIA: ha fornito aiuti militari per 227,5 milioni di euro, inclusi missili del sistema missilistico anticarro Javelin, obici da 122 mm, mine anticarro e cannoni anticarro, pistole e munizioni.

SLOVENIA: ha annunciato l'invio di kalashnikov e munizioni.

REPUBBLICA CECA: ha donato materiale militare per un valore di 45,2 milioni di euro, comprese armi leggere e missili. I media locali hanno riferito che Praga ha inviato obici semoventi Dana e lanciarazzi RM-70 Grad, carri armati T-72 di fabbricazione sovietica e veicoli da combattimento di fanteria.

BELGIO: afferma di aver inviato 5.000 fucili automatici e armi anticarro.

PAESI BASSI: a fine febbraio hanno promesso la consegna di 200 missili Stinger.

GRECIA: ha fornito aiuti difensivi, inclusi 400 kalashnikov, lanciatori e munizioni.

GIAPPONE: ha annunciato che invierà generatori elettrici e droni.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli