Quanti sono realmente i decessi per Covid in Spagna?

·2 minuto per la lettura
Coronavirus, in Germania medici positivi al lavoro
Coronavirus, in Germania medici positivi al lavoro

Il numero dei morti con coronavirus in Spagna potrebbe essere molto più alto di quello ufficiale se lo stato, come evidenziato dall’Istat, contasse sia i deceduti con patologie compatibili con il virus e test positivo sia deceduti in cui il contagio è solo probabile.

Morti per coronavirus in Spagna

A destare il sospetto è stato uno studio dell’Istituto Nazionale di Statistica spagnolo che, tenendo conto del periodo della prima ondata, ha calcolato un numero potenziale di vittime del Covid di gran lunga superiore a quello presente sulle tabelle del governo. Questo perché alle persone decedute con test che accertasse la positività al coronavirus (27.127 tra gennaio e maggio) ha aggiunto anche i casi sospetti. Si tratta di quei soggetti che, pur non avendo effettuato il tampone e dunque non avendo la certezza di aver contratto il virus, erano sospettati di essere venuti a contatto con l’infezione (18.557).

Il totale di questi ultimi e dei casi accertati sale dunque a 45.684, con un aumento quasi del 40% rispetto ai morti ufficiali. Considerate le difficoltà, è probabile che ad alcune vittime di polmoniti o altri sintomi riconducibili al coronavirus non fosse stato effettuato il test. Se così fosse vorrebbe dire che anche le vittime di questa seconda ondata sono molte di più di quelle certificate.

Numeri che hanno spinto l’opposizione ad attaccare il governo guidato da Sanchez: “Gli spagnoli non meritano un governo che nasconde la verità“. Secondo Fernando Simón, direttore del Coordinamento di allerta sanitaria, l’esecutivo è comunque tenuto a contare soltanto le vittime con test positivo perché il loro numero arriva a Madrid quasi in tempo reale. I dati su cui ha invece lavorato l’Istat giungono anche dopo sei mesi di ritardo, troppi da aspettare per decidere come agire.