Quarantena covid, Rasi: "Sì a riduzione se variante Omicron è prevalente"

·1 minuto per la lettura

La possibile decisione del Cts su una riduzione della quarantena Covid per le persone, vaccinate, che hanno avuto un contatto con un positivo "è corretta se la prevalenza della variante Omicron è ormai superiore alla Delta". Così all'Adnkronos Salute Guido Rasi, già direttore dell'Ema, oggi consulente del commissario per l'emergenza Covid-19 Francesco Paolo Figliuolo e direttore scientifico Consulcesi Club.

Le due varianti "hanno tempi di incubazione diversi", ricorda Rasi. Perciò "occorre capire a chi si può applicare questa mini quarantena - precisa - Chi ha avuto un contatto con un positivo ha bisogno di un tempo di osservazione di 48-72 ore e dobbiamo essere sicuri di trovarci in presenza di Omicron e non di Delta".

"Per il Capodanno c'è il rischio di una impennata dei casi vista la velocità di Omicron - dice Rasi - Quindi occorre molta cautela e accelerare con la terza dose, che è fondamentale anche per proteggerci dalla nuova variante. E questa è una buona notizia".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli