Quarantena e green pass: come cambiano le regole

·2 minuto per la lettura
 (Photo by Riccardo Fabi/NurPhoto via Getty Images)
(Photo by Riccardo Fabi/NurPhoto via Getty Images)

Come ottenere il green pass una volta guariti dal Covid? Con l’imperversare della variante Omicron, il sistema di tracciamento prima e quella per lo sblocco della carta verde poi, ha subito numerosi ritardi. Per questo il governo, oltre a cambiare le regole della quarantena, ha deciso che per avere il green pass non sarà più necessario il certificato di guarigione, ma basterà l’esito negativo di un test molecolare o antigenico.

I positivi isolati: differenza tra asintomatici e chi ha i sintomi

Per l’isolamento dei positivi, il governo fa una differenziazione tra asintomatici e coloro che hanno i sintomi. Secondo quanto riportato nella circolare del ministero della Salute firmata il 30 dicembre: “Per chi è sempre stato asintomatico, o è asintomatico da 3 giorni, ha ricevuto il booster (terza dose) o ha completato il ciclo vaccinale (due dosi) da meno di 120 giorni, la durata dell’isolamento è di 7 giorni. Al termine deve effettuare un test antigenico o molecolare”. Chi ha sintomi, invece, deve stare in isolamento per 10 giorni e sottoporsi poi a un test antigenico o molecolare.

GUARDA ANCHE: Covid: cosa si può fare in zona gialla, arancione o rossa? Molte differenze tra chi ha il green pass e chi no

Green pass bloccato: verso procedure semplificate

Il tampone positivo sospende il green pass automaticamente. I tecnici stanno studiando un modo che consenta di riattivarlo non appena il tampone si negativizza così da evitare che ci siano ritardi nel nuovo rilascio della certificazione verde. Ad oggi i passaggi per ottenerlo sono più complessi. Una volta che la struttura che ha effettuato il tampone invia l’esito sulla piattaforma nazionale, se questo è negativo, il paziente deve inviarlo al medico di base che emette il certificato di guarigione e sblocca il green pass, a quel punto scaricabile dal cittadino attraverso la App Io.

Contatti stretti: isolamento in base alla copertura vaccinale

Non deve rispettare la quarantena chi ha avuto contatti stretti con un positivo se ha due o tre dosi da meno di 120 giorni, ma è obbligato a indossare la FfP2 per dieci giorni. Diversa la situazione per chi si è vaccinato da più di 120 giorni. In quel caso si deve stare in quarantena 5 giorni e uscire con tampone negativo. Chi non è vaccinato deve rimanere in isolamento per 10 giorni e uscire con tampone negativo.

GUARDA ANCHE: Covid: cambiano le regole per la quarantena. Ecco come

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli