Queen's Speech svuotato di senso e senza messaggi politici. "Brexit entro il 31/10 è priorità del governo"

HuffPost

La priorità del governo ”è sempre stata quella di garantire la partenza del Regno Unito dall’Unione europea il 31 ottobre”. È uno dei passaggi del Queen’s Speech, il tradizionale discorso d’apertura di una nuova sessione parlamentare scritto dal governo in carica e letto dalla regina a Westminster a Camere riunite. Un discorso che avviene quest’anno in circostanze straordinarie: all’ombra della Brexit, senza la certezza di un accordo con l’Ue. E che, proprio per le incertezze che pesano sul futuro del Paese, è giudicato alla stregua di una “farsa” da esponenti laburisti come Diane Abbott.

“Il governo intende lavorare per una nuova partnership con la Ue, basata su libero commercio e cooperazione di amicizia”, ha scandito la sovrana dando voce alle parole del premier. “I miei ministri”, ha assicurato leggendo un testo preparato dall’esecutivo Tory di Boris Johnson, “lavoreranno per attuare nuovi regimi per la pesca, l’agricoltura, il commercio, cogliendo le opportunità che si presentano con l’uscita dalla Ue”. 

Per l’occasione la regina ha scelto un abito color avorio con preziosi ricami. Nessun messaggio in codice, dal punto di vista politico. Niente a che vedere con l’ultimo Queen’s Speech, quello del 2017, quando Elisabetta indossò un completo blu elettrico con un cappellino blu a fiori gialli, una scelta in cui molti videro un riferimento alla bandiera dell’Unione Europea.

 

Il Queen's Speech del 2017

 

Il discorso

La regina ha dunque letto l’elenco delle leggi che il governo intende approvare nei prossimi mesi: su temi come la sicurezza, l’immigrazione (con l’annunciata istituzione di un filtro a punti, sul modello australiano, che dal 2021 dovrebbe valere anche per i nuovi ingressi di cittadini Ue), le ferrovie, la sanità, il contrasto delle violenze domestiche, l’ambiente e la lotta contro la plastica inquinante. Tutti provvedimenti che il governo di BoJo non pare peraltro in grado di attuare prima del voto e che stando...

Continua a leggere su HuffPost