Quella bizzarra idea che le donne istruite siano una minaccia per lo Stato

Serhii Hudak / NurPhoto / NurPhoto via AFP

AGI - La Corte dei conti ungherese ha pubblicato un rapporto sui rischi che il sistema educativo del Paese sia "troppo femminile", avvertendo che questo potrebbe danneggiare lo sviluppo dei ragazzi e creare problemi demografici.

Il rapporto è stato pubblicato il mese scorso ma non ha attirato l'attenzione del pubblico quando un giornale di Budapest vi ha dedicato un lungo articolo.

"Il fenomeno chiamato 'educazione rosa' ha numerose conseguenze economiche e sociali", ha scritto l'ente statale. Come in molti paesi, la professione di insegnante in Ungheria è dominata dalle donne, che rappresentano l'82% della classe docente.

"Se l'istruzione favorisce tratti femminili" come "maturità emotiva e sociale" e "provoca la sovrarappresentanza delle donne nelle università, l'uguaglianza (dei sessi) sarà notevolmente indebolita", afferma il rapporto, secondo cui se i ragazzi sono più inclini a essere imprenditori e a correre dei rischi, i tratti fanciulleschi della creatività e dell'innovazione sono "necessari per uno sviluppo ottimale dell'economia".

La Corte dei conti ha avvertito che alla fine "l'istruzione rosa" potrebbe causare "problemi demografici" poiché le donne istruite non sarebbero in grado di trovare coniugi con un'istruzione simile "il che potrebbe portare a un calo della fertilità".

Parlare di qualità maschili e femminili è "una totale assurdità scientifica", ha replicato su Facebook il deputato dell'opposizione ungherese Endre Toth, "È ora di togliersi gli occhiali del secolo scorso."

Nel 2019, l'ufficio del commissario per i diritti umani del Consiglio d'Europa ha notato "una retrocessione nei diritti delle donne e nell'uguaglianza di genere in Ungheria".

Sebbene l'Ungheria abbia recentemente eletto la sua prima donna presidente, Katalin Novak, ha solo una donna che serve come ministro nel governo, il che la colloca al penultimo posto nell'Unione europea.