"Quella pancia fa senso": Billie Eilish travolta dal bodyshaming per le foto in canotta e shorts

Adalgisa Marrocco
·Contributor HuffPost Italia
·2 minuto per la lettura
(Photo: Jeff Kravitz via Getty Images)
(Photo: Jeff Kravitz via Getty Images)

Billie Eilish paparazzata in canotta e pantaloncini e gli haters si scatenano, criticando la forma fisica della cantante 18enne. Una vera e propria ondata di bodyshaming che ha suscitato la reazione di ammiratori e utenti Twitter pronti a difendere l’artista americana, tanto da far entrare il suo nome tra le tendenze del social network.

“A me fa senso quella pancetta”, “Ha messo su peso”, “Sembra vecchia”, ha scritto qualcuno. Tanti altri i commenti riguardanti l’aspetto fisico della cantante, ben più offensivi e aggressivi.

La replica degli utenti Twitter alle critiche non si è fatta attendere. “Billie Eilish ha 18 anni e ha paura di mostrare il suo corpo per colpa vostra. Non vi fate schifo? Sessualizzare una ragazza solo perché non segue i vostri stupidi standard di bellezza?”, dice un utente.

E ancora: “Vi sentite realizzati dopo aver insultato e deriso una ragazzina, per un corpo assolutamente nella norma, solo perché a 18 anni ha realizzato più di quanto farete voi in tutta la vostra vita? Menomale che Billie Eilish è molto più matura di voi”.

“Fa veramente schifo e rabbia il fatto che la gente stia riempiendo di insulti Billie Eilish perché ormai troppo condizionata dai canoni assurdi imposti dalla società, quando questa ragazza ha un fisico assolutamente normale e naturale. È insopportabile”, ha aggiunto qualcuno denunciando l’episodio di bodyshaming.

A proposito degli haters qualche mese fa, in un’intervista alla Bbc, Billie Eilish aveva confessato: “Ho smesso di leggere completamente i commenti. Mi stavano rovinando la vita”. “Mi sono sentita così odiata ultimamente. E quando stavo sul palco e ho visto tutti voi sorridermi mi è venuta voglia di piangere”, aveva aggiunto parlando della vittoria agli ultimi Brit Awards.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.