"Querida Amazonia", esce in spagnolo il 12 l'esortazione del Papa

Ska

Città del Vaticano, 7 feb. (askanews) - L'attesissima esortazione apostolica del Papa sull'Amazzonia che conclude il sinodo dello sc orso ottobre esce mercoledì prossimo 12 febbraio. Lo ha annunciato il Vaticano, che ha reso noto anche - dettaglio significativo - che il titolo, in spagnolo e non in latino come vuole la consuetudine, è "Querida Amazonia", cara Amazzonia.

Con un'esortazione apostolica, il Pontefice recepisce le conclusioni di un'assemblea sinodale, e, sovranamente, può farle proprie, rigettarle, modificarle. L'assemblea sull'Amazzonia ha discusso per tre settimane (6-27 ottobre), ed ha poi votato, ed approvato con il quorum dei due terzi, un documento ricco di temi (dall'ecologia alle popolazioni indigene, dal rito amazzonico al ruolo delle donne), tra i quali - il tema che ha maggiormente attirato l'attenzione pubblica - la proposta di ordinare sacerdoti "uomini idonei e riconosciuti della comunità, che abbiano un diaconato permanente fecondo e ricevano una formazione adeguata per il presbiterato, potendo avere una famiglia legittimamente costituita e stabile, per sostenere la vita della comunità cristiana attraverso la predicazione della parola e la celebrazione dei sacramenti nelle zone più remote della regione amazzonica". Questione che, impropriamente presentata dal cattolicesimo conservatore come l'abolizione del celibato obbligatorio, ha suscitato molte critiche preventive al Papa, come un libro del cardinale Robert Sarah con il contributo del Papa emerito Benedetto XVI, che mercoledì troveranno finlamente una risposta.

La sala stampa vaticana ha infatti reso noto, oggi, che mercoledì 12 febbraio 2020, alle ore 13.00, nell'Aula Giovanni Paolo II della Sala Stampa della Santa Sede, si terrà la Conferenza Stampa di presentazione dell'Esortazione Apostolica post-sinodale del Santo Padre Francesco "Querida Amazonia", frutto dell'Assemblea Speciale del Sinodo dei Vescovi per la Regione Panamazzonica "Amazzonia: nuovi cammini per la Chiesa e per una ecologia integrale" (6-27 ottobre 2019). Interverrannoil Card. Lorenzo Baldisseri, Segretario Generale uscente del Sinodo dei Vescovi, il Card. Michael Czerny, gesuita, Sotto-Segretario della Sezione Migranti e Rifugiati del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, Segretario Speciale del Sinodo dei Vescovi per la Regione Panamazzonica, padre Adelson Araujo dos Santos, gesuita, Teologo e Docente di Spiritualità alla Pontificia Università Gregoriana, suor Augusta de Oliveira, Vicaria Generale delle Serve di Maria Riparatrici, il Prof. Carlos Nobre, Scienziato, Premio Nobel 2007, Membro della Commissione Scienze Ambientali del Consiglio Nazionale di Sviluppo Scientifico e Tecnologico. Presente con un contributo video, S.E. Mons. David Martínez de Aguirre Guinea, domenicano, Vescovo del Vicariato di Puerto Maldonado, Segretario Speciale del Sinodo dei Vescovi per la Regione Panamazzonica.

Va peraltro notato che, con la costituzione apostolica Episcopalis communio (2018), papa Francesco ha riformato il funzionamento del Sinodo, stabilendo, tra l'altro, che "qualora il Romano Pontefice abbia concesso all'Assemblea del Sinodo potestà deliberativa, a norma del can. 343 del Codice di diritto canonico, il Documento finale partecipa del Magistero ordinario del Successore di Pietro una volta da lui ratificato e promulgato". Il Sinodo può ora partecipare sostanzialmente al governo pontificio e ai pronunciamenti magisteriali.