Questore di Milano vieta smartphone e Internet a 4 truffatori

Alp

Milano, 13 giu. (askanews) - Il Questore di Milano Marcello Cardona, irrogando avvisi orali con prescrizioni, ha vietato l'utilizzo dello smartphone e l'accesso ad Internet a quattro pluripregiudicati che si erano resi protagonisti di diverse truffe, tutte caratterizzate dall'utilizzo di computer o di cellulari connessi ad Internet. Si tratta del primo caso di questo tipo di divieto nella provincia di Milano.

Lo ha annunciato la polizia, spiegando che si tratta di un 44enne milanese e di un 65enne pescarese (residente nel capoluogo lombardo) che truffavano telefonicamente le proprie vittime offrendo abbonamenti a fittizie riviste delle forze dell'ordine e, in altri casi, fingendosi operatori di una società di recupero crediti, estorcevano denaro minacciando azioni legali nel caso le vittime si fossero rifiutate di pagare. Il terzo è un 32enne milanese, già condannato per truffa, sostituzione di persona e frodi informatiche, che "metteva finti annunci online per la vendita di biglietti di concerti ed altri eventi, chiedendo il pagamento anticipato per poi non inviare alcun tagliando, e che aveva aperto su Internet una sottoscrizione a suo favore sostenendo di doversi sottoporre ad una costosissima operazione chirurgica". Il quarto è un 34enne milanese, con numerosi precedenti anche per stupefacenti, che, "con i più svariati espedienti aveva indotto diversi soggetti ad accreditare ingenti cifre su carte di credito ricaricabili".

Sempre la questura meneghina ha ricordato "che l'avviso orale con prescrizioni è uno strumento che il Codice antimafia ha messo a disposizione del Questore ed ha natura preventiva. Consiste in un atto amministrativo con cui da un lato si intima ai soggetti pericolosi per l'ordine e la sicurezza pubblica di mantenere una condotta conforme alla legge, dall'altro si impedisce gli stessi di commettere ulteriori reati, privando gli stessi dei mezzi necessari a commettere questa categoria di delitti".