Quindicenne di Bassano del Grappa progettava sui social di uccidere i genitori

Linda Varlese
·Editor, HuffPost Italy
·1 minuto per la lettura
Close up of a teenager on her smartphone (Photo: Peter Dazeley via Getty Images)
Close up of a teenager on her smartphone (Photo: Peter Dazeley via Getty Images)

Voleva uccidere i suoi genitori. E ne parlava tranquillamente con gli amici attraverso un gruppo creato su Snapchat, un’applicazione molto in voga fra gli adolescenti. E’ stato proprio uno di questi ad andare dai carabinieri per mostrare gli inquietanti messaggi della giovane. La storia accaduta a Bassano del Grappa è ricostruita da Corriere della Sera.

La Procura per i minorenni di Venezia voleva vederci chiaro sui propositi di questa quindicenne che vive dalle parti di Bassano del Grappa, fra le colline dell’Alto Vicentino. E hanno scoperto una realtà sorprendente: studentessa, brava ragazza, figlia unica di una giovane coppia “perbene”, dicono gli investigatori che sono intervenuti subito temendo il peggio. Insomma, un’adolescente e un ambiente al di sopra di ogni sospetto, dove sarebbe maturato il piano criminale che forse doveva coinvolgere anche il fidanzatino.

La ragazza ha riferito agli investigatori che non era sua intenzione mettere in atto il piano.

Ma il tono dei messaggi, assicura chi li ha letti, non era affatto millantatorio o ironico. Al punto che gli inquirenti hanno deciso di informare immediatamente i genitori e attivare le procedure del caso, servizi sociali, psicologi. Scossi dalla notizia, mamma e papà si sono messi a disposizione delle forze dell’ordine e degli assistenti.

Gli inquirenti però non escludono che dietro possa esserci qualche setta, qualche sito che adesca e plagia adolescenti tramando piani criminali, sfide.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.