Quirinale: Calderoli, 'Berlusconi ha possibilità, basta avere 430 voti e il resto arriva'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 31 dic (Adnkronos) – Per Silvio Berlusconi al Quirinale "numeri alla mano, le possibilità ci sono tutte"; di voti "ne bastano 430. Il resto arriva". Lo dice Roberto Calderoli al 'Corriere della sera'. "Sono i non ricandidabili (quelli che non hanno chance per il taglio dei parlamentari e per il calo del consenso del proprio partito, penso in particolare a M5S e Pd) quelli che più possono venire in soccorso", spiega l'esponente della Lega.

In cambio di cosa, scusi? "Della garanzia che non si vada ad elezioni o di un futuro sereno…Non è Berlusconi che lo garantirebbe, ma la maggioranza che lo voterebbe. Si badi, lo voterebbe solo a fronte della garanzia che la legislatura arrivi fino in fondo".

Più in generale, Calderoli spiega: "Faccio una previsione: se il presidente viene eletto entro le prime quattro votazioni sarà un uomo, se si va alla quinta potrebbe toccare ad una donna. Ma non chiedetemi a chi corrispondono gli identikit". E ancora: "L’elezione entro i primi tre scrutini, con la maggioranza dei due terzi, ha il 30 per cento di possibilità. Al quarto o quinto scrutinio si sale al 70 per cento".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli