Quirinale: da Mattarella stop a ipotesi rielezione, 'tra 8 mesi potrò riposarmi'/Adnkronos (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – "Fu anche l’occasione -affermò il Capo dello Stato riferendosi a quel testo- per esprimere la convinzione che fosse opportuno introdurre in Costituzione il principio della 'non immediata rieleggibilità' del Presidente della Repubblica. In quell’occasione Segni definiva 'il periodo di sette anni sufficiente a garantire una continuità nell’azione dello Stato'. Inoltre –aggiungeva- 'la proposta modificazione vale anche ad eliminare qualunque, sia pure ingiusto, sospetto che qualche atto del Capo dello Stato sia compiuto al fine di favorirne la rielezione'. Di qui l’affermazione che 'una volta disposta la non rieleggibilità del Presidente, si potrà anche abrogare la disposizione dell’articolo 88 comma 2 della Costituzione, che toglie al Presidente il potere di sciogliere il Parlamento negli ultimi mesi del suo mandato'".

Un richiamo che, come altri riferimenti all'attività dei suoi predecessori, manifestano l'intento dell'attuale Capo dello Stato di muoversi in una linea di continuità rispetto all'azione di chi prima di lui è stato chiamato a ricoprire la più alta magistratura repubblicana.

Del resto, la stessa rielezione di Giorgio Napolitano comportò un allungamento del precedente mandato di poco meno di due anni, sfiorando quindi i nove previsti per i giudici costituzionali, che rappresentano la durata più lunga indicata dalla Costituzione per gli incarichi di garanzia. Ma, stando alle dichiarazioni di oggi, Mattarella non sembra disponibile neanche ad un prolungamento della permanenza al Colle che lo porti a sfiorare o toccare quel limite. (di Sergio Amici)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli