Quirinale, D'Alema: "Folle tentativo di Berlusconi"

·1 minuto per la lettura

"In questo scenario confuso vedo un unico disegno chiaro, quello della destra di Giorgia Meloni: eleggere il premier con buona pace del folle tentativo di Berlusconi di assaltare il Quirinale". Lo afferma l'ex presidente del Consiglio, Massimo D'Alema, in un'intervista a Il Manifesto, sull'imminente elezione del presidente della Repubblica.

"Mai come in questo momento serve un'intesa tra le forze politiche, altrimenti si rischia il caos. Il centrosinistra in passato, pur avendo la maggioranza dei grandi elettori, ma non ne ha mai abusato proponendo figure che non dividevano il paese, come Ciampi, Napolitano e Mattarella. Oggi nessuno ha la forza di governare il processo. Sarebbe importante che le forze politiche si vincolassero ad avanzare ipotesi di candidature femminili. Dopo 70 anni, e in una fase di crisi profonda del sistema democratico, sarebbe un segnale importante", dice.

"Non sono nelle condizioni di avere preferenze - aggiunge - e se le avessi indicherei una donna del centrosinistra. Se i partiti ritengono che l'unica personalità su cui si può trovare una larga convergenza è quella di Draghi, questo però richiede un accordo per il governo. In questo scenario confuso vedo un unico disegno chiaro, quello della destra di Giorgia Meloni: eleggere il premier con buona pace del folle tentativo di Berlusconi di assaltare il Quirinale".

"Così si pagherebbe un ticket di legittimazione agli occhi dell'establishment internazionale per poi andare subito alle elezioni con questa legge elettorale. Questa almeno è un'agenda politica, che io ritengo dannosa. Il resto dello scenario mi pare confuso", conclude D'Alema.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli