Quirinale: Formica, 'si rischia una tombola come nel '92, Draghi è inadatto'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 3 gen (Adnkronos) – Come finirà l'elezione del capo dello Stato è "difficile dirlo. Non ho mai visto una situazione più terremotata di adesso. Forse nel 1992 c’era un clima simile". Lo dice Rino Formica a Repubblica.

"Il Parlamento è incontrollabile. Un terzo sa che è in soprannumero, vista la riduzione dei seggi. Un terzo è consapevole che non sarà ricandidato. E un terzo è espressione di capi che non contano più nulla. Potremmo trovarci così dinanzi a mille volontà diverse", spiega l'ex ministro socialista secondo il quale si rischia "una tombola".

Berlusconi, prosegue Formica, "non lo vogliono né Salvini né Meloni. Si accontenterebbe di avere trecento voti, sarebbe già una bella soddisfazione e poi tornerebbe ad occuparsi delle sue ville". E Draghi "temo sia inadatto", dice tra l'altro l'esponente socialista aggiungendo: "In lui prevale la cultura del banchiere. I banchieri non hanno una visione di lungo periodo, sono attenti alla convenienza di quel che il mondo offre in quel momento"; "di Draghi non sappiamo nemmeno per chi vota. Il modo con cui tutela il suo segreto è allo stesso tempo una dimostrazione di debolezza e di potenza".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli