Quirinale, Maria Elena Boschi vota e poi festeggia il compleanno

·2 minuto per la lettura
Maria Elena Boschi vota al Quirinale e poi festeggia il compleanno (REUTERS/Remo Casilli)
Maria Elena Boschi vota al Quirinale e poi festeggia il compleanno (REUTERS/Remo Casilli)

La deputata Maria Elena Boschi ha festeggiato il compleanno subito dopo aver votato al Quirinale lunedì 24 gennaio, giorno del primo scrutinio per l'elezione del presidente della Repubblica terminato, peraltro, con una fumata nera.

Maria Elena Boschi vota al Quirinale, 24 gennaio 2022 (Photo by Pool/Insidefoto/Matteo Minnella/Mondadori Portfolio via Getty Images)
Maria Elena Boschi vota al Quirinale, 24 gennaio 2022 (Photo by Pool/Insidefoto/Matteo Minnella/Mondadori Portfolio via Getty Images)

Maria Elena Boschi, capogruppo di Italia Viva alla Camera dei deputati dal 24 settembre 2019 ed ex ministra nel governo Renzi e Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri nel Governo Gentiloni, ha spento le sue 41 candeline all'interno di Montecitorio dopo il voto. Negli uffici di Iv la attendevano un mazzo di tulipani bianchi, uno di roselline rosa e bianche e una torta al cioccolato.

"Piccola 'pausa dolcezza' tra una riunione e una votazione: un compleanno particolare! Grazie a tutti per gli auguri, per ogni messaggino e pensiero! Vi abbraccio" si legge nel messaggio che Maria Elena Boschi ha pubblicato sul suo profilo Twitter. Nella fotografia di accompagnamento al post, si vede la deputata mentre si appresta a tagliare una fetta della sua torta.

VIDEO - Chi è Maria Elena Boschi?

A proposito di voto al Quirinale, in un'intervista rilasciata a La Stampa a inizio gennaio, Boschi aveva commentato la possibilità che Mario Draghi venga eletto Presidente della Repubblica: "La sensazione - aveva detto - è che molti vorrebbero correre alle urne: la Meloni, Conte, Letta vogliono il voto. Loro manderebbero Draghi al Colle solo per andare a votare a giugno di quest'anno" il nuovo esecutivo.

La deputata non si era sentita di escludere che il premier possa diventare Capo di Stato. L'ex presidente della Bce, infatti, per Boschi sarebbe "un ottimo presidente della Repubblica". Tuttavia, "per eleggerlo - aveva aggiunto Boschi, riferendosi a Draghi - serve che il Parlamento abbia le idee chiare sul dopo. Andare a votare nel 2022 sarebbe un errore", dato che un "governo tecnico senza la credibilità di Draghi sarebbe meno forte".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli