Quirinale: Mattarella consegna decorazioni Ordine militare d'Italia

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 3 nov. (Adnkronos) – Si è svolta, questa mattina al Quirinale, alla presenza del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, la cerimonia di consegna delle decorazioni dell'Ordine militare d'Italia, conferite nell'anno 2022, in occasione della ricorrenza del Giorno dell'Unità nazionale e Giornata delle Forze Armate. Il Capo dello Stato coadiuvato dal ministro della Difesa, Guido Crosetto, ha consegnato le decorazioni al generale Enzo Vecciarelli, al generale di squadra aerea Alberto Biavati, al generale di divisione Franco Federici, al contrammiraglio Luca Pasquale Esposito, al capitano di fregata Francesco Ruggiero, al generale di divisione aerea Gianluca Ercolani, al colonnello Luca Giuseppe Vitaliti, al tenente colonnello Maurizio De Guida, al generale di brigata Giovanni Pietro Barbano, al luogotenente Paolo Dalla Pozza.

Erano presenti il presidente del Senato, Ignazio La Russa, il vicepresidente della Camera, Fabio Rampelli, in rappresentanza della Corte costituzionale, il giudice Giulio Prosperetti, il capo di stato maggiore della Difesa, Giuseppe Cavo Dragone, il presidente del Consiglio dell'Ordine militare d'Italia, Andrea Fornasiero, con i componenti il Consiglio dell'Omi e autorità civili e militari. Prima della cerimonia il Presidente Mattarella ha incontrato una rappresentanza di Allievi degli Istituti di formazione militare.

Queste le motivazioni delle decorazioni: generale Enzo Vecciarelli – Croce di 'Grande Ufficiale' dell’Ordine militare d’Italia – "Capo di stato maggiore della Difesa, ha condotto le Forze Armate lungo un complesso processo di trasformazione, con lungimirante visione strategico-militare ed energico impulso interforze. In qualità di 'comandante operativo', ha guidato uomini e donne in operazioni in diversi teatri internazionali, fra i quali l’Afghanistan, il Libano, l’Iraq, la Libia, la Somalia, il Niger, il Kosovo, la Bosnia, nel Mediterraneo ed al largo del Corno d’Africa, tutte caratterizzate da complessità operativa e logistica, resa ancora più articolata dalla pandemia Covid-19".

"La straordinaria capacità, l’esemplare professionalità e l’altissimo impegno profuso sono stati determinanti per il conseguimento degli obiettivi prefissati. Esemplare figura di comandante, il suo operato, improntato ad ammirevole perizia e senso di responsabilità, riceveva l’ammirazione delle autorità politiche e militari nazionali ed estere, contribuendo a innalzare il prestigio delle Forze Armate italiane e del Paese in ambito internazionale. Fulgido esempio di abnegazione al dovere e servizio alla Patria".

Generale di squadra aerea Alberto Biavati – Croce di 'Ufficiale' dell’Ordine militare d’Italia – "Ufficiale generale di preclare qualità umane, militari e professionali ha operato in varie e delicate operazioni condotte in ambiti internazionali, anche al di fuori dei confini nazionali. Nonostante l’emergenza sanitaria Covid-19, grazie alla sua brillante azione di comando, ha contribuito in maniera determinante all’operazione 'Aquila Omnia', che ha permesso, con un ponte aereo umanitario, l’evacuazione di personale civile afghano, riscuotendo attestazioni di apprezzamento e ammirazione per l’Aeronautica militare".

"Inoltre, l’autorevolezza e la padronanza dello scenario operativo, unitamente alle eccezionali doti di pianificazione e gestione delle risorse, sono state determinanti nelle delicate operazioni di 'Nato Air Policing', volte a proteggere il fianco est dell’Alleanza. In ogni circostanza e soprattutto nelle situazioni di emergenza, individuava, con chiarezza di intenti, le migliori soluzioni operative, assicurando il determinante contributo delle Forze Aeree italiane alle operazioni in atto. In virtù degli eccezionali risultati conseguiti, contribuiva ad accrescere il prestigio delle Forze Armate italiane e del Paese".

Generale di divisione Franco Federici – Croce di 'Cavaliere' dell’Ordine militare d’Italia – "Comandante della Kosovo Force (Kfor), nell’ambito dell’operazione 'Joint Enterprise', ha guidato le forze dell’Alleanza atlantica con indiscusso valore, impiegando con straordinaria autorevolezza le differenti capacità operative rese disponibili dalle nazioni partecipanti per il pieno conseguimento degli importanti obiettivi della missione. La sua ferma e risoluta azione di comando, unita alle apprezzate capacità diplomatiche tese al dialogo e alla cooperazione con tutti gli attori interni ed esterni, hanno esaltato, in uno scenario operativo complesso, il ruolo di Kfor come fattore di stabilità nell’area balcanica, contribuendo in modo tangibile allo sviluppo economico, sociale e politico della regione, dando lustro alle Forze Armate italiane e al Paese"

Contrammiraglio Luca Pasquale Esposito – Croce di 'Cavaliere' dell’Ordine ilitare d’Italia – "Comandante della Task Force 465 – Eu Navfor Somalia, nell’ambito dell’operazione 'Atalanta', ha condotto valorosamente i propri uomini e le forze aeronavali assegnate in numerose attività di deterrenza delle organizzazioni criminali dedite alla pirateria nel Golfo di Aden e nel Bacino Somalo. In un contesto ambientale e operativo estremamente complesso, reso ancora più articolato dalla pandemia Covid-19, ha operato con un’incisiva azione di comando, assicurando la salvaguardia degli interessi dell’Unione europea e nazionali nonché la sicurezza delle linee di comunicazione marittima nell’area di operazioni".

"Particolarmente significativa la sua capacità di relazione con le autorità e istituzioni dei Paesi rivieraschi dell’area di operazioni, con i quali ha avviato e consolidato numerose collaborazioni tecnico-militari. Riscuotendo unanimi apprezzamenti, fino al livello dei vertici militari dell’Unione europea, ha conferito lustro alle Forze Armate italiane e al Paese in uno scenario internazionale di grande rilevanza per la stabilità globale"

Capitano di fregata Francesco Ruggiero – Croce di 'Cavaliere' dell’Ordine militare d’Italia – "Comandante della Nave Marceglia, nel quadro dell’operazione 'Gabinia', finalizzata alla protezione degli interessi nazionali e alla sicurezza delle linee di comunicazione marittima nel Golfo di Guinea, agendo con tempestività e coraggio, contrastava con efficacia e risolutezza un attacco di pirati nei confronti della nave mercantile Queen Zenobia, di bandiera liberiana".

"In coordinamento con la Marina nigeriana e con l’armatore dell’unità, ne garantiva la scorta e la navigazione in sicurezza fino al passaggio di consegne con le competenti autorità giudiziarie nigeriane, che procedevano all’arresto dei criminali. Per gli eccezionali risultati conseguiti, conferiva lustro e prestigio alle Forze Armate italiane e al Paese".

Generale di divisione aerea Gianluca Ercolani – Croce di 'Cavaliere' dell’Ordine militare d’Italia – "Comandante della Joint air task force (Jatf) nell’ambito della missione Nato International security assistance force (Isaf) in Afghanistan, assicurava la massima espressione operativa del complesso ed articolato dispositivo aeronautico posto alle sue dipendenze".

"Gestiva con determinazione operazioni per il trasporto di uomini e materiali, evacuazione medica d’urgenza, missioni di sorveglianza, di ricognizione tattica e supporto aereo alle forze di terra, contribuendo significativamente alla sicurezza del contingente internazionale e alla stabilizzazione del Paese. Con l’eccezionale operato posto in essere, ha conseguito risultati di prim’ordine, conferendo lustro e prestigio alle Forze Armate italiane e al Paese".

Colonnello Luca Giuseppe Vitaliti – Croce di 'Cavaliere' dell’Ordine militare d’Italia – "Comandante della Task force Air in Iraq, si distingueva per le spiccate capacità organizzative e di pianificazione delle operazioni e per la partecipazione diretta in diverse missioni nell’ambito delle operazioni di supporto alla Coalizione internazionale per la lotta al terrorismo islamico. Grazie alla sua brillante azione di comando, garantiva l’indispensabile supporto aereo all’Alleanza con assetti operanti da quattro basi diverse, assicurando altresì il rischieramento in Kuwait delle Unità italiane presenti in Afghanistan, a seguito dell’occupazione dei territori da parte dei Talebani. Fulgido esempio di Comandante, in virtù degli eccezionali risultati conseguiti, contribuiva ad accrescere il prestigio delle Forze Armate italiane e del Paese".

Tenente colonnello Maurizio De Guida – Croce di 'Cavaliere' dell’Ordine militare d’Italia – "Rischierato più volte al di fuori dei confini nazionali in delicate operazioni militari condotte in ambiti internazionali e, in particolare, in attività di volo in Afghanistan, a supporto delle attività Isaf, effettuava numerose missioni operative. In particolare, grazie alla sua brillante azione di comando, gestiva in prima persona 21 assetti aerei impiegati a supporto della complessa operazione finalizzata al salvataggio dell’equipaggio di un elicottero americano abbattuto in territorio ostile".

"Inoltre, in occasione di una complessa e delicatissima missione in supporto aereo in emergenza a un plotone americano, oggetto di un’imboscata nemica, veniva chiamato a coordinare l’evacuazione aerea di due soldati feriti gravi con scorta armata agli elicotteri giunti sul luogo. Ufficiale di indiscusso valore, professionista esemplare, dava prova di elevatissime capacità e contribuiva in difficili contesti operativi ad accrescere il lustro ed il prestigio delle Forze Armate italiane e del Paese.

Generale di brigata Pietro Barbano – Croce di 'Cavaliere' dell’Ordine militare d’Italia – "Comandante dell’Integrated police Unit nell’ambito dell’operazione Eufor-Althea in Bosnia Erzegovina, guidava con spiccata capacità di comando l’Unità verso elevati livelli di efficienza operativa, nonostante le complesse problematiche dell’area bosniaca. Contribuiva in modo determinante al conseguimento degli obiettivi di sicurezza internazionale, instaurando proficui rapporti con le comunità locali e affermandosi quale interlocutore altamente qualificato per i Vertici militari, i rappresentanti dell’Unione europea e delle Organizzazioni governative.

Quale capo di stato maggiore del Quartier generale della Forza di Gendarmeria europea e direttore del Centro di eccellenza per le Stability police Units, forniva uno straordinario apporto dottrinale alla crescita del settore della formazione delle Unità di polizia di stabilità straniere impegnate in operazioni per il supporto della pace, contribuendo ad esaltare il prestigio dell’Italia e delle sue Forze Armate nel mondo".

Luogotenente Paolo Dalla Pozza – Croce di 'Cavaliere' dell’Ordine militare d’Italia – "Luogotenente dell’Arma dei Carabinieri, già inviato dal 1999 in molteplici missioni per il mantenimento della pace e per la tutela delle rappresentanze diplomatiche nazionali all’estero, impiegato a Kabul, Afghanistan, durante il ripiegamento della missione Nato 'Resolute Support' e la contestuale offensiva dei movimenti Talebani, guidava numerosi interventi per il recupero di connazionali e di cittadini afghani".

"Nella circostanza, al verificarsi di un attacco nel settore ove stava operando unitamente all’Incaricato d’Affari dell’Ambasciata d’Italia, con straordinaria reattività e coraggio, garantiva l’incolumità del diplomatico allontanandolo dall’area di rischio. Gli importanti risultati operativi conseguiti contribuivano a dare lustro alle Forze Armate italiane e al Paese".