Quirinale: Oddati (Pd), 'a Letta mandato ampio, non escludere Draghi'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 15 gen (Adnkronos) – "L’elezione del presidente è decisiva e perché il Paese vive un momento cruciale. C’è bisogno di una figura che sia di garanzia, eletto da una maggioranza larga e non rappresentante di una singola comunità politica. Già queste mi sembrano buone ragioni per escludere le pretese centrodestra e la proposta di candidare Silvio Berlusconi che non rappresenta una garanzia dei valori costituzionali”. Lo ha detto Nicola Oddati, intervenuto alla riunione della Direzione del Pd con i gruppi parlamentari.

“L’unità e la compattezza del partito sarà in questo caso fondamentale. Inoltre, sono convinto, come tutti, che bisogna fare in modo che il governo vada a scadenza di mandato e si voti nel 2023 -ha aggiunto Oddati-. Inoltre, non mi limiterei nella ricerca di altissimo valore e non escluderei figure come Draghi da questa possibilità, sapendo anche leggere quello che succederà in Parlamento. Proprio per questo credo che il mandato al segretario Letta e alle capigruppo debba essere il più ampio possibile".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli