Quirinale: Rotondi, 'Berlusconi non candidato di bandiera ma per riforma presidenziale'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 22 set. (Adnkronos) – "Leggo oggi su un importante quotidiano che il centrodestra si appresterebbe a votare Silvio Berlusconi sin dalla prima votazione per l’elezione del nuovo Capo dello Stato come ‘candidato di bandiera’. Naturalmente questa notizia è destituita di ogni fondamento: Silvio Berlusconi non è un ‘candidato di bandiera’, ma il possibile candidato vincente di un centrodestra unito e di un’area di parlamentari favorevoli ad una riforma istituzionale in senso presidenziale, accompagnata da un Capo dello Stato disposto a dimettersi dopo un anno e mezzo, alla sua approvazione". Lo afferma Gianfranco Rotondi, presidente di 'Verde è popolare' e vicecapogruppo di Fi alla Camera.

"La natura di questo progetto -aggiunge- esclude un voto per Berlusconi nelle prime tre votazioni, quando occorre un quorum verosimilmente non corrispondente al numero dei parlamentari favorevoli al presidenzialismo e dunque a una presidenza sostanzialmente provvisoria di Berlusconi".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli