**Quirinale: segreteria e poi Direzione Pd, Letta stringe su Colle**

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 10 gen (Adnkronos) – "Letta è stato è stato molto chiaro e semplice sin dal primo momento, non c'è una strategia misteriosa o i due forni". E' Francesco Boccia a rivendicare la 'limpidezza' del Pd sul Quirinale alla vigilia della segreteria dem che si riunisce domani alle 10 per fare il punto sull'elezione del capo dello Stato. Una settimana intensa, quella appena aperta, che vede la Direzione e i gruppi parlamentari convocati per giovedì prossimo (13 dicembre) e che segna il cambio di passo dem in vista del 24 gennaio, data di convocazione del Parlamento in seduta comune.

"Noi insistiamo su un presidente della Repubblica garante dell'unità nazionale e per essere tale dobbiamo votarlo tutti assieme", ha ribadito il responsabile Enti locali del Pd mostrando l'ennesimo stop alle velleità di Silvio Berlusconi: "Il centrodestra gioca sulla pelle degli italiani".

Letta, a proposito del Colle, a già chiarito qual è la sua strategia, che domani verrà formalizzata e discussa in segreteria: "La via maestra è la continuità di governo e la stabilità" e quindi "c’è bisogno di una larghissima maggioranza, un capo dello Stato non divisivo e non eletto sul filo dei voti”, ha spiegato a fine 2021. Un primo passo, fondamentale, sul quale i dem richiamano all'attenzione tutte le forze politiche: "Ci aspettiamo dagli altri partiti condivisione almeno sul metodo", ha sottolineato oggi Boccia.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli