Quirinale: Todde, 'una donna? Non deve essere quello criterio scelta'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 14 gen. (Adnkronos) – Una donna per il Colle? "Al Quirinale ci vuole una figura che con la sua autorevolezza riesca ad incarnare sopra ogni cosa l'essere garante delle Istituzioni. Che poi si arrivi a una donna, bene. Ma non deve essere quello il criterio che orienterà la scelta dei grandi elettori". Così in un'intervista al 'Venerdì' di Repubblica in edicola oggi, la viceministra allo Sviluppo economico Alessandra Todde.

Sul M5S, "credo nel nuovo MoVimento di Conte – dice Todde – e la differenza tra il nuovo M5S e quello vecchio è che nel frattempo abbiamo governato. Il Movimento si è dovuto confrontare con la difficoltà nel fare le cose. E una forza politica che è maturata. E se posso dirlo lo ha fatto in modo intelligente se l'intelligenza è interpretare i cambiamenti".

Sui rapporti personali con le altre figure femminili del Movimento, "nel M5S – afferma la viceministra – ci sono molte donne in gamba, di valore, con cui lavoro benissimo. In questi anni sono diventata amica di Paola Deiana, deputata sarda, che è come una sorella. Se non fosse stato per lei all'inizio a Roma mi sarei sentita persa. Apprezzo tanto Chiara Appendino. E mi ha sorpreso Paola Taverna: fa gioco di squadra, pensa al collettivo".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli