Quirinale: Toti, 'Berlusconi verifichi bene rischi, una risorsa come Draghi va utilizzata'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 31 dic (Adnkronos) – Sarebbe Draghi il presidente della Repubblica ideale? "Ha tutte le qualità per esserlo" ed è "sicuramente una possibile scelta di grande qualità, dopodiché non basta la qualità ma ci dev’essere la convergenza di tanti partiti e la messa in sicurezza di altre istituzioni, come Palazzo Chigi". Lo dice Giovanni Toti al Secolo XIX.

"Si elegga un presidente condiviso come arbitro o si utilizzi una risorsa come Draghi, individuando un nuovo assetto di governo. Ci giochiamo un pezzo di futuro della politica italiana", sollecita il governatore della Liguria che poi prosegue sul Quirinale: "La candidatura di Berlusconi non è stata ancora ufficializzata" e "gli ho detto che per stima, affetto e storia può contare sul mio appoggio. Ma anche che deve verificare bene prima di andare in Parlamento con il rischio di scivolare. È successo al suo antagonista storico, Prodi. Sarebbe un fatto molto dannoso per la politica italiana".

Toti parla anche del Centro: "La necessità di equilibrare la politica al centro è fuori di dubbio, manca un baricentro" ed "è uno dei progetti su cui si lavorerà. È il mio progetto", spiega sottolineando ancora: "L’esperienza della Margherita è la formula giusta: quando ho fondato Cambiamo, e poi l’ho aggregato a Coraggio Italia, ho sempre pensato che fossero passaggi intermedi verso nuove aggregazioni. Oggi la pensano così in tanti".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli