Quirinale, vertice del centrodestra: la decisione di Silvio Berlusconi oggi

·3 minuto per la lettura
Quirinale, vertice del centrodestra: la decisione di Silvio Berlusconi (Photo by Livio Anticoli/Pool/Insidefoto/Mondadori Portfolio via Getty Images)
Quirinale, vertice del centrodestra: la decisione di Silvio Berlusconi (Photo by Livio Anticoli/Pool/Insidefoto/Mondadori Portfolio via Getty Images)

Silvio Berlusconi ha annunciato il suo passo indietro nella corsa al Colle, rinunciando al Quirinale "in nome della ricerca dell'unità per il Paese".

"L'Italia oggi ha bisogno di unità, al di là della distinzione maggioranza-opposizione, intorno allo sforzo per combattere la gravissima emergenza sanitaria, per far uscire il paese dalla crisi". Lo ha scritto in una nota il leader di FI, Silvio Berlusconi. "La nazione riparte nei momenti difficili se tutti sappiamo trovare, come avvenne nel dopoguerra, un senso comune di appartenenza nella nostra democrazia - ha aggiunto - superando le lacerazioni e al di là delle legittime ed anzi necessarie distinzioni".

"Considero necessario che il governo Draghi completi la sua opera fino alla fine della legislatura per dare attuazione al Pnrr, proseguendo il processo riformatore indispensabile che riguarda il fisco, la giustizia, la burocrazia".

"Ho deciso di compiere un altro passo sulla strada della responsabilità nazionale, chiedendo a quanti lo hanno proposto di rinunciare ad indicare il mio nome per la Presidenza della Repubblica. Continuerò a servire il mio Paese in altro modo, come ho fatto in questi anni, da leader politico e da Parlamentare Europeo, evitando che sul mio nome si consumino polemiche o lacerazioni che non trovano giustificazioni che oggi la Nazione non può permettersi". Così una nota di Silvio Berlusconi.

"La linea di Forza Italia - ha poi aggiunto il coordinatore azzurro Antonio Tajani nell'incontro - è che Mario Draghi non vada al Quirinale, rimanga a Palazzo Chigi, dove è inamovibile, e che nel governo non ci debbano essere né rimpasti, né nuovi ingressi".

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE IL VIDEO - Come si elegge il Presidente della Repubblica

Giornate impegnative per la corsa al Quirinale. In vista della prima votazione, lunedì, dei grandi elettori sul successore di Sergio Mattarella alla presidenza della Repubblica, gli occhi sono tutti puntati sul centrodestra che si è riunito oggi su Zoom.

Il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, alle 16.30 ha visto via Zoom i ministri e sottosegretari e i dirigenti di Forza Italia per fare il punto della situazione sul Colle prima di partecipare, sempre da remoto da Arcore, al vertice dei leader del centrodestra, convocato prima per le 16 e poi rinviato alle 18.

"Ancora non ho deciso..." aveva detto Silvio Berlusconi, come riporta l'Adnkronos, rivolto ai ministri e sottosegretari di Forza Italia che lo ascoltano via Zoom. Subito dopo, il Cav, come hanno raccontato fonti azzurre, si sarebbe scollegato perché impegnato in un giro di telefonate.

Le riunioni saranno tutte in Zoom, per la prima volta per incontri decisivi per una elezione al Quirinale. Tutti in attesa di ricevere il link per collegarsi tra sospetti sulla riservatezza. 'Un vertice da remoto, senza sapere quanti ascoltano, è l'ultima scivolata del centrodestra', dice Osvaldo Napoli, deputato di Coraggio Italia.

Intanto il centrosinistra, a partire dal Pd continua a chiedere un nome di garanzia, super partes e frutto di una maggioranza "la più ampia possibile".

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE IL VIDEO - Chi è Silvio Berlusconi

"Basta nomi di parte. Servono coesione e serietà'. È intanto il messaggio lanciato dal Partito democratico sul proprio account Twitter. 'Il Pd sta lavorando per garantire stabilità all'Italia con un patto di legislatura e l'elezione di un presidente della Repubblica autorevole e super partes. Eletto da una maggioranza, la più ampia possibile, in nome dell'unità della Nazione e dell'interesse generale', si legge nel tweet.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli