Quota 101, l'ipotesi di riforma delle pensioni: quanto costa?

·1 minuto per la lettura
Quanto costerebbe Quota 101?
Quanto costerebbe Quota 101?

Tra le ipotesi allo studio dell’esecutivo sul funzionamento delle pensioni una volta che sarà scaduta Quota 100, c’è la cosiddetta Quota 101: quanto costerebbe la proposta, fortemente voluta dalla Lega, che prevede l’uscita dal mondo del lavoro con 62-63 anni di età e 38-39 di contributi versati?

Quanto costerebbe Quota 101?

Per concretizzare l’idea di riforma, avanzata dal ministro dell’Economia Daniele Franco, dovrebbero servire tra i 2,5 e i 3 miliardi di euro per ogni anno a partire dal 2022 e fino al 2024. Allo stanziamento per il mantenimento della risorsa andrebbero poi aggiunti i fondi necessari per il lancio e la sua introduzione.

Il costo iniziale sarebbe di circa 400 milioni per il primo anno che, osservando i primi report sulla misura, crescerebbe il secondo e il terzo anno di applicazione. Per il momento, in vista dell’approvazione della prossima Legge di Bilancio 2022, è stato messo in programma lo stanziamento di 3 miliardi di euro da destinare alla riforma pensionistica.

Quanto costerebbe Quota 101? Ipotesi fondo apposito

Il governo potrebbe valutare l’istituzione di un apposito Fondo pensione per i lavoratori e/o un sistema a due quote, con il riconoscimento di una pensione contributiva a 62-63 anni e il riconoscimento della pensione retributiva solo al raggiungimento dei 67 anni.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli