R. Lombardia: al via iter per creare filiera della lana di pecora

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 14 gen. (askanews) - Creare una nuova filiera della lana di pecora per la Lombardia e l'Italia settentrionale. Lo chiede la proposta di Risoluzione che ha iniziato il suo iter amministrativo nella Commissione Agricoltura che ha dato il via libera a un gruppo di lavoro che dovrà predisporre un progetto per valorizzare la lana delle Regioni del bacino padano.

"La maggior parte della lana utilizzata in Italia proviene dall'estero perché la lana prodotta localmente ha progressivamente perso interesse economico" ha spiegato la relatrice Simona Pedrazzi della Lega, aggiungendo "basti pensare che oggi in Lombardia non esiste alcun impianto di lavaggio in grado di trattare la cosiddetta 'lana sucida' che è considerata un rifiuto speciale: ciò si traduce in un enorme costo ambientale e di smaltimento per i nostri imprenditori agricoli". "Il primo passo, quindi, è quello di pianificare l'insediamento di una filiera per la valorizzazione della lana locale e in seconda battuta, per accrescere la competitività della lana nostrana sarà quello di chiedere al governo di classificare la lana come prodotto agricolo sotto il profilo fiscale" ha proseguito Pedrazzi, concludendo che "l'altro aspetto che intendiamo tutelare è quello del lavoro: se non si interviene si rischia di perdere professionalità importanti per l'occupazione e la tutela del territorio, come quelle dei tosatori, che altri Paesi europei invece sostengono e proteggono".

Secondo quanto spiegato dalla Regione Lombardia in un comunicato, si stima che nelle Regioni del Nord ci siano 460mila capi ovini che producono circa 1.380 tonnellate di lana. La filiera "valorizzerebbe un prodotto agricolo locale 'a chilometro zero', e favorirebbe la conservazione delle razze ovine autoctone che costituiscono un importantissimo patrimonio zootecnico di biodiversità". "L'uso di lana proveniente dalla filiera corta nel Nord Italia ridurrebbe inoltre in maniera significativa le emissioni provenienti dal trasporto necessario per le importazioni dall'estero".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli