R.Lombardia: ok a 2 progetti innovativi per sociale e ambiente

Lzp
·2 minuto per la lettura

Milano, 3 nov. (askanews) - La Giunta di Regione Lombardia, su proposta dell'assessore allo Sviluppo Economico Alessandro Mattinzoli, ha approvato due schemi di accordo di programma per l'innovazione. Il primo è tra ministero dello Sviluppo Economico, Regione Campania, Regione Puglia e Società Capofila Adiramef; il secondo tra Ministero dello Sviluppo Economico, Regione Lombardia e Società Ing. Enea Mattei. Regione metterà a disposizione complessivamente più di 160.000 euro. Il progetto, che ha come capofila la Adiramef, è SAALUS: acronimo di Smart Ambient Assisted Living Ubiquitous System. È finalizzato alla realizzazione sia di nuovi prodotti (wearable ed ambient smart objects) che di servizi (servizi assistivi dedicati a soggetti anziani fragili ovvero a soggetti affetti da patologie croniche disabilitanti) mediante lo sviluppo di soluzioni che ricadono prevalentemente sull'utilizzo di "Tecnologie nell'ambito dell'informazione e della comunicazione". Il costo previsto per la realizzazione del progetto di ricerca e sviluppo ammonta a 7.944.919 euro di cui 215.944 euro in Lombardia. La quota di Regione è pari a 6.478 di euro, ovvero un cofinanziamento regionale pari ad almeno il 3% dei costi e delle spese ammissibili complessive. Il programma presentato dalla Società Ing. Enea Mattei spa intende studiare, progettare e realizzare una nuova famiglia di compressori d'aria ad elevata efficienza nei quali siano integrate nuove tecnologie per la riduzione dei consumi energetici necessari alla produzione dell'aria compressa, riducendo gli impatti sull'ambiente dovuti al ciclo di vita del prodotto e ottimizzando il ciclo produttivo. L'obiettivo è quello di rendere i nuovi compressori la tecnologia di riferimento nel mercato dell'aria compressa in termini di efficienza ed eco-sostenibilità. Il costo previsto per la realizzazione del progetto di ricerca e sviluppo ammonta a 5.126.127 euro con un contributo pubblico di 1.632.998 euro. La quota a carico di Regione è pari a 153.783 di euro. "Il nostro obiettivo - ha spiegato l'assessore Mattinzoli - è quello di sostenere questi interventi di rilevante impatto tecnologico: essi infatti sono in grado di incidere sulla capacità competitiva delle imprese". "In questo modo - ha concluso Mattinzoli - è anche possibile salvaguardare i livelli occupazionali e accrescere la presenza delle imprese estere nel territorio nazionale".