R. Lombardia: ok a interventi per ragazzi allontanati da famiglia

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 19 lug. (askanews) - Regione Lombardia aderisce al terzo triennio della sperimentazione ministeriale di interventi in favore dei cosiddetti "care leavers", i ragazzi che, al compimento della maggiore età, vivono fuori dalla famiglia di origine sulla base di un provvedimento dell'autorità giudiziaria che li abbia collocati in una Comunità residenziale o in affido etero-familiare. Lo stabilisce una delibera approvata questa mattina dalla Giunta regionale, su proposta dell'assessora alla Famiglia, Solidarietà sociale, Disabilità e Pari opportunità, Alessandra Locatelli.

"La sperimentazione rientra tra le azioni di contrasto alla povertà previste dal Piano Povertà ed è finalizzata a favorire il raggiungimento dell'autonomia da parte dei ragazzi attraverso la definizione di un progetto personalizzato di attivazione e di inclusione sociale e lavorativa" ha dichiarato Locatelli in una nota, spiegando che "si tratta di un progetto importante, soprattutto in un momento delicato quale è quello che stiamo vivendo, in quanto l'emergenza sanitaria e la conseguente crisi economica e sociale richiedono un'attenzione ancora maggiore verso i nostri giovani". "In particolare, questi ragazzi ormai autonomi per legge, hanno ancora bisogno di essere seguiti per raggiungere anche un'autonomia reddituale, lavorativa e psicologica e non possono contare sull'appoggio della famiglia" ha proseguito l'assessora, sottolineando che "l'approccio che viene adottato è multidisciplinare e volto a mettere a disposizione di questi giovani un sostegno economico, ovvero la 'Borsa per l'autonomia', e un tutor, vale a dire una figura di accompagnamento che ha lo scopo di aiutare i 'care leavers' nel delicato passaggio verso l'età adulta, affrontando i cambiamenti legati al processo di uscita in autonomia dalla Comunità o dalla famiglia affidataria".

"La sperimentazione interesserà tre gruppi di neomaggiorenni, prevedendo per ciascun gruppo progetti di durata triennale, con una sperimentazione che di fatto si estenderà su 60 mesi, suddivisi in tre fasi di lavoro tra loro integrate che prevedono compiti e tempi differenziati secondo il 'Piano di attività'" ha continuato Locatelli, ricordando che "le risorse a disposizione ammontano a 612.244 euro e rappresentano l'80% del costo complessivo del progetto", e che "la restante quota del 20% è a carico di ciascun Ambito con risorse proprie o con la valorizzazione delle spese ammissibili".

La Regione ha precisato che "l'attività istruttoria delle richieste presentate ha condotto a selezionare gli ambiti territoriali Visconteo Sud Milano, Lodi, Mantova, Crema, Carate Brianza, Bassa Bresciana Orientale 10, San Giuliano Milanese e Valle Imagna e Villa d'Almé."

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli