R. Lombardia: sottoscriviamo appello Coldiretti su bando indigenti

Red-Alp
·2 minuto per la lettura

Milano, 11 nov. (askanews) - "Sottoscriviamo l'appello fatto da Coldiretti al Governo per velocizzare l'emanazione del bando indigenti, dedicato all'acquisto di prodotti agroalimentari italiani per persone in difficoltà". Lo ha annunciato in una nota l'assessore regionale lombardo all'Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi, Fabio Rolfi, in merito al decreto del ministero delle Politiche agricole, di concerto con quello del Lavoro e delle Politiche sociali, che suddivide lo stanziamento dei fondi dedicati al "Programma di distribuzione di derrate alimentari alle persone indigenti". "I 250 milioni disponibili derivano da risorse straordinarie del 'decreto Rilancio', che è stato approvato in via definitiva a luglio: siamo a metà novembre e il Governo è ancora nella fase degli annunci. I fondi per aiutare la filiera agroalimentare e le persone in difficoltà servono adesso" ha proseguito Rolfi, ricordando che "Regione Lombardia ha aperto e chiuso in un mese il bando da 20 milioni di euro dedicato alle aziende agricole ed entro fine anno pagheremo i contributi a fondo perduto per ogni singola azienda: chiediamo anche al Governo di porre le esigenze dei cittadini e degli agricoltori prima delle lentezze burocratiche". "Le stime di Coldiretti ci preoccupano e ci amareggia ancora di più l'inerzia del ministero, soprattutto perché sappiamo che la pandemia non porta solo a problemi di carattere sanitario, ma anche a difficoltà economiche e sociali" ha commentato l'assessore lombardo alle Politiche sociali, abitative e Disabilità, Stefano Bolognini, aggiungendo che "il diritto al cibo e il contrasto allo spreco sono da sempre temi fondamentali per Regione Lombardia". "Dal 2006, infatti, le nostre politiche sono orientate a educare a una maggiore consapevolezza dell'uso delle risorse alimentari" ha continuato Bolognini, spiegando che "attualmente, per il biennio 2019-2020 sono stati stanziati dalla Regione 2,5 milioni di euro (quasi 1 milione in più del precedente Piano d'azione 2017-2018), che sono serviti a finanziare 10 progetti ed Enti, sia a livello regionale che locale". "Stimiamo che, nell'ultimo biennio, queste iniziative abbiano raggiunto più di 230mila adulti e oltre 114mila minori, per circa 75mila famiglie" ha proseguito l'assessore, sottolineando che "inoltre, gli interventi del Piano hanno sostenuto oltre 1.500 strutture assistenziali, come mense, comunità e strutture caritative, coinvolgendo più di 2.500 donatori". "La raccolta stimata è di oltre 40mila tonnellate di cibo da grande distribuzione, piccole e medie imprese, produttori artigianali, ristorazione organizzata e raccolte locali" ha precisato, Bolognini, concludendo "numeri importanti che ci mostrano come l'impegno dei volontari, che non smetteremo mai di ringraziare, e il supporto di Regione Lombardia siano sempre presenti: ora, però, anche il Governo deve fare la sua parte".