Rabbia del Presidente della Regione Lombardia: mancato via libera del piano vaccinazioni

·1 minuto per la lettura
Fontana bloccato piano vaccinale
Fontana bloccato piano vaccinale

Rabbia da parte del Presidente della regione Lombardia Attilio Fontana che, con una nota diffusa su Facebook, ha denunciato il blocco del piano vaccinale sviluppato da Guido Bertolaso. Un piano che secondo il Governatore lombardo avrebbe dovuto vaccinare “10 milioni di cittadini lombardi” e quindi secondo quest’ultimo prioritario per la salute non solo a livello regionale, ma anche nazionale. “Il piano era stato inviato ieri, da me e dalla vice presidente Moratti, come contributo lombardo e best practice da proporre anche a livello nazionale”, ha precisato il presidente Fontana.

Fontana: “Bloccato piano vaccinale”

Dieci milioni di cittadini lombardi ovvero circa un sesto della popolazione nazionale. Questo il numero totale dei residenti della regione Lombardia che avrebbe dovuto sottoporsi alla vaccinazione se il piano stilato ed elaborato grazie al coordinamento di Guido Bertolaso fosse stato approvato. Invece stando a quanto ha riportato un comunicato diffuso dal Presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana il piano vaccinale non ha avuto il via libera da parte del Ministero della Salute.

“Incredibile. Il ministero della salute ha bloccato la valutazione del Piano Lombardia per la vaccinazione di massa che ieri avevamo inviato al Comitato tecnico scientifico nazionale” ha esordito il Presidente della Regione Lombardia. Fontana ha poi proseguito aggiungendo: “ho voluto condividere con il Governo il piano vaccini che in Lombardia si sta concretizzando con il coordinamento di Guido Bertolaso e l’obiettivo di vaccinare 10 milioni di lombardi, ritenendo questa la priorità per tutto il Paese, che certamente non deve sottostare a logiche di parte”.