Raccolta differenziata al 72,5% in Emilia Romagna, il record a Ferrara

·2 minuto per la lettura

BOLOGNA (ITALPRESS) - In Emilia-Romagna cresce ancora la raccolta differenziata dei rifiuti. Nel 2020, anno della pandemia, secondo i dati dell'annuale Rapporto curato della Regione, ha raggiunto in media il 72,5%, sostanzialmente in linea con l'obiettivo del 73% fissato dal Piano regionale dei rifiuti, nonostante i mesi di lockdown e restrizioni. Un ulteriore passo avanti anche per i materiali avviati al recupero, circa 2,1 milioni di tonnellate, +,6% rispetto all'anno precedente. Tra i capoluoghi di provincia il risultato migliore è stato raggiunto da Ferrara, con l'87,6% di rifiuti differenziati, seguita da Reggio Emilia (84,8%) e Parma (82,6%). A seguire Forlì (82,1%), Cesena (72,7%), Rimini (71,7%), Piacenza (71%), Ravenna (62,1%) e Bologna (55,4%). Incrementi si registrano anche in tutte le province, ad eccezione di Modena, che rimane pressoché stabile al 72,9%. Molto rilevante anche il risultato raggiunto da 110 comuni (il 34% del totale) che hanno toccato o sono andati oltre l'80% di raccolta differenziata. Altri 29 comuni (circa il 9%) hanno addirittura raggiunto o oltrepassato la soglia del 90%. "Si tratta davvero di un risultato complessivo molto buono", sottolinea l'assessore regionale all'Ambiente, Irene Priolo. Per quanto riguarda le diverse tipologie di rifiuto conferite in modo separato, si segnala nel 2020 un miglioramento generalizzato: la percentuale maggiore di differenziata riguarda il verde (21,7%), la carta (17,9%) e l'umido (16%). Seguono vetro (9%), plastica (8,3%) e legno (7,7%); rifiuti da costruzione e demolizioni (4,4%) e ingombranti (4,4%); i cosiddetti "altri rifiuti" come acidi, batterie, farmaci, oli, vernici, ecc. (3,4%); rifiuti derivanti dallo spazzamento delle strade (2,8%); metalli (1,8%); Raee (1,4%) e compostaggio domestico (1,2%). Per quanto riguarda i capoluoghi di provincia e i territori costieri, 13 Comuni hanno raggiunto l'obiettivo del 70% di raccolta differenziata fissato dal Piano regionale dei rifiuti entro il 2020. Si segnalano i comuni ferraresi di Mesola (78,5%), Goro (77,9%) e Codigoro (75,6%) e quelli riminesi di Misano Adriatico (88,7%), Cattolica (79,2%) e Riccione (70,4%). Sono invece 101 i Comuni di pianura che hanno superato il target del 79% definito per quest'area territoriale e 33 gli enti locali situati in zone di montagna che hanno centrato l'obiettivo del 65%.

(ITALPRESS).

fil/com

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli