'Racconti in tempo di peste', artisti in scena sul web come in teatro

webinfo@adnkronos.com

"'Racconti in tempo di peste' nasce per andare in scena comunque. Abbiamo chiesto a 100 amici, 100 artisti, scrittori, giornalisti, filosofi, musicisti, poeti, attori di regalarci un momento di bellezza". Sergio Maifredi regista e direttore artistico del Teatro Pubblico Ligure spiega così l'iniziativa che ha lanciato insieme a Corrado D'Elia, attore e regista milanese, fondatore della Compagnia Teatrale che porta il suo nome. 'Racconti in tempo di peste' è una pagina Facebook dove vengono pubblicati ogni giorno ("per cento giorni") letture o racconti di vari artisti. "Per comporre un affresco del pensiero. Un Decameron contemporaneo", spiegano gli ideatori.  

"Perché l’arte, la parola, la musica è ciò che ci fa sentire insieme oltre la paura", sottolineano. "In questo momento di Teatri chiusi, di attività culturali costrette alla sospensione, di spettacoli annullati o rimandati a data da destinarsi, ribadiamo con questo progetto il ruolo fondamentale di Arte e di Cultura come mezzo di reazione al presente e di costruzione del futuro", aggiungono.  

E l'iniziativa, partita nelle ultime ore, sta già avendo grande successo on line. Basti pensare che il video contributo dell'attore e scrittore Giuseppe Cederna, che sulla cima del Monte Soratte legge due brani dai “Racconti in forma di poesia” di Raymond Carver, ha ottenuto 15.000 visualizzazioni in un giorno. Riempiendo un teatro virtuale ben più capiente di quelli fisici.