Radiazione confermata per medico no-vax: "Ricorrerò in Cassazione"

·3 minuto per la lettura

Radiazione confermata per Dario Miedico. Dal 7 maggio il camice bianco, finito sotto accusa per posizioni critiche espresse verso le vaccinazioni e giudicato 'no-vax', non può più esercitare la professione ed è stato definitivamente cancellato dagli elenchi iscritti. Per lui era stata decisa nel 2017 dall'Ordine dei medici di Milano la massima sanzione disciplinare. Esattamente 4 anni dopo è arrivata la conferma del provvedimento da parte della Commissione centrale per gli esercenti le professioni sanitarie (Cceps) a cui aveva fatto ricorso.

"Sono andato a Roma e poi non ho più saputo niente. A maggio quattro medici, non giuristi, nominati dal ministero della Salute che è chiaramente direttamente interessato in tema di pandemie, hanno confermato il provvedimento. Quindi ho deciso di non fermarmi qui e andrò in Cassazione, dove so che sarò giudicato da giudici, che non dovrebbero subire le pressioni di un ministero", dichiara Miedico all'Adnkronos Salute.

**Covid: medico over80 radiato, 'non mi serve vaccino, inutile anche nei giovani'**

Dario Miedico, il camice bianco finito sotto accusa per posizioni critiche espresse verso le vaccinazioni, giudicato 'no-vax' e radiato dall'Ordine dei medici di Milano nel 2017, decisione confermata in 'secondo grado' (dalla commissione centrale Cceps) a maggio di quest'anno, non nasconde le sue idee.

Quanto al Covid, l'epidemiologo over 80 non ritiene necessario per lui immunizzarsi. "Se mi sono vaccinato contro Covid? No, non penso di averne bisogno", dichiara all'AdnKronos Salute aggiungendo di credere che "non ne abbia bisogno la stragrande maggioranza delle persone che si stanno vaccinando adesso, cioè i giovani, che penso si espongano a un rischio rilevante e non conosciuto, a fronte di una patologia modesta a cui in genere vanno incontro, in rarissimi casi" con Sars-CoV-2. "E' un attacco pesante alla salute", conclude l'ex medico.

Proprio nei giorni in cui sono in corso le ricognizioni sui sanitari che non si sono vaccinati contro Covid, e la Federazione nazionale degli Ordini dei medici comunica ai presidenti degli organi provinciali che per i camici bianchi che non assolvono l'obbligo vaccinale scatta la sospensione 'ex lege', Miedico ha avuto modo di criticare anche l'obbligo di vaccinazione Covid per i sanitari: "Del resto in Italia sono 12 le vaccinazioni obbligatorie. Non mi stupisce che si faccia demagogia utilizzando la paura", aveva detto nei giorni in cui era in via di approvazione il decreto, sottolineando la necessità di fare prima "uno studio specifico che non è stato fatto su quale sia effettivamente il rischio reale di trasmettere la malattia alle persone assistite".

Tornando alla vicenda della radiazione, Miedico spiega che sarà "seguito dal costituzionalista Valerio Onida, il quale sta già lavorando per preparare il ricorso e ha tempo due mesi, a decorrere dal 7 maggio, per la presentazione. Vado avanti nonostante, volendo, mi abbiano già suggerito una soluzione facile al problema: alcuni paesi d'Europa non hanno l'Ordine, ma solo un elenco di medici garantiti che hanno presentato la laurea, l'abilitazione e così via e possono operare. Ma io non accetto di percorrere questa strada. Anche se mi costa non poco, visto che non posso svolgere la mia professione".

"E' un'assurdità: in qualunque altro giudizio solo dopo l'ultimo grado la pronuncia diventa esecutiva - incalza - Come è assurdo che l'Ordine dei medici mi abbia dato il massimo della 'pena', un anno dopo avermi insignito di una medaglia per i miei 50 anni di iscrizione al loro albo. Sono indignato. E venerdì sarò a un convegno a Roma per denunciare questa mia situazione", conclude.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli