Radicali: fermo Bernardini sia occasione per dibattito su droga

Rea

Roma, 17 lug. (askanews) - "Dopo anni che ciclicamente sponsorizza pubblicamente la sua iniziativa nonviolenta di autocoltivazione di marijuana sul terrazzo di casa per sollecitare il pieno utilizzo a fini terapeutici, finalmente Rita Bernardini, dirigente del Partito Radicale, è stata fermata dai Carabinieri. Sarà una buona occasione per aprire un dibattito al quale la classe dirigente di questo paese si è sempre sottratto e continua a sottrarsi". È quanto dichiarano Maurizio Turco e Irene Testa, Segretario e Tesoriere del Partito Radicale.

"La legalizzazione della marijuana e la distribuzione controllata di eroina fanno parte di una politica di sicurezza volta al contenimento della criminalità che - grazie alle leggi in vigore - agisce sul mercato in regime di monopolio. Con l'alibi di tutelare le persone le si consegnano nelle mani senza scrupoli che vendono sostanze pericolose, pericolo dovuto alla proibizione", concludono.