Radio radicale, Nobili: non va sacrificata per un punto sondaggi

Pol/Bar

Roma, 30 ott. (askanews) - "E' paradossale che la discussione su una manovra da 30 miliardi sia bloccata su un contributo da 8 milioni, come quello per Radio Radicale, che finora c'è stato e che all'improvviso si vuole togliere". Lo ha dichiarato in una nota Luciano Nobili, deputato di Italia Viva, a proposito della legge di Bilancio.

"Sacrificare una voce storica come Radio Radicale e disperdere il suo inestimabile patrimonio di conoscenze e di memoria - ha aggiunto - per una mossa propagandistica di cui tra una settimana nessuno si ricorderà più, è del tutto privo di senso. Il pluralismo è un valore più importante del punto che M5S potrebbe guadagnare nei sondaggi".