Raffiche di vento a Vinadio: gravi danni stabilimento acqua Sant’Anna

raffiche-di-vento-vinadio

Allarme in Valle Stura, nel basso Piemonte, dove forti raffiche di vento fino a cento chilometri orari stanno provocando ingenti danni nel comune di Vinadio ed in particolare allo stabilimento dell’acqua minerale Sant’Anna. Nella giornata del 10 febbraio il vento caldo di phon ha infatti divelto le lamiere del tetto dello stabilimento, scaraventandole contro le macchine parcheggiate nei pressi della struttura. Sul posto sono al momento presenti i vigili del fuoco di Cuneo che stanno portando avanti le operazioni di sgombero e messa in sicurezza dell’area.

Raffiche di vento a Vinadio: danni ingenti

Stando a quanto riportato dalla stampa locale il vento di phon ha colpito lo stabilimento Sant’Anna – sito nella frazione di Roviera – nel primo pomeriggio. Con diversi lamierati del tetto che sono stati letteralmente divelti e scaraventati dalle raffiche sulle auto nel parcheggio antistante.

I vigili del fuoco giunti sul posto hanno provveduto a far evacuare immediatamente gli operai all’interno della fabbrica. Fortunatamente non si è registrato nessun ferito, ma la produzione dello stabilimento Fonti di Vinadio – Acqua Sant’Anna è stata temporaneamente interrotta.

Disagi in tutta la Valle Stura

Quelli allo stabilimento Sant’Anna non sono però gli unici danni provocati dal forte vento del 10 febbraio; sempre nel comune di Vinadio infatti alcune pietre si sono staccate dal campanile della chiesa parrocchiale di San Fiorenzo, come confermato anche dal sindaco Angelo Giverso. Nel comune cuneese è stato inoltre scoperchiato il tetto di un’abitazione mentre un braccio telescopico è stato posizionato sopra il tetto delle ex scuole della frazione di Pratolungo, proprio per evitare che le raffiche potessero sollevare anch’esso.