Ragazza cinese fatta scendere dal bus a Torino: “Non sei persona gradita”

cinese fatta scendere bus

Continuano ad aumentare gli episodi di razzismo, generati dalla psicosi coronavirus, nei confronti dei cittadini cinesi presenti in Italia. Al caso di Venezia, in cui una coppia di cinesi ha ricevuto insulti e sputi da un gruppo di ragazzini, e ai molti altri, si va ad aggiungere anche quanto accaduto ai danni di una ragazza cinese che stava viaggiando da Cuneo in direzione di Torino a bordo di un bus e che è stata fatta scendere dal mezzo dagli altri passeggeri perché persona poco gradita.

La giovane non ha una buona padronanza della lingua, ragion per cui non ha sporto denuncia alle forze dell’ordine. Ha però riferito l’accaduto alla comunità cinese dell capoluogo piemontese. La notizia è stata commentata anche dalla sindaca Chiara Appendino, che ha duramente condannato il comportamento dei passeggeri.

Ragazza cinese fatta scendere dal bus

L’episodio si sarebbe verificato qualche giorno precedente al pranzo di Chiara Appendino in un ristorante cinese, un’iniziativa volta proprio a sensibilizzare e bloccare gli episodi di razzismo e pregiudizi nei confronti della popolazione cinese. La sindaca ha dichiarato: “Mi è stato evidenziato il caso di una ragazza che è stata fatta sentire persona non gradita e spinta a scendere da un autobus . Ma a Torino non abbiamo avuto altri episodi di razzismo e di questo voglio ringraziare i torinesi. Questa attenzione che oggi noi stiamo richiamando in realtà c’è già. A Torino – ha ribadito la prima cittadina pentastellata – non ci sono stati episodi di razzismo, ma il periodo di convivenza con quello che sta accadendo a livello globale credo non sarà breve. Invito quindi tutti ad adottare le cautele necessarie ma a non cadere nella psicosi”.